Calderón onesto: “Ai Knicks avrei dovuto fare la riserva.”

Calderón onesto: “Ai Knicks avrei dovuto fare la riserva.”

Lo spagnolo, trasferitosi ai Lakers, vuole portare esperienza dalla panchina

Commenta per primo!
Calderón

José Calderón, dopo il passaggio ai Lakers, può analizzare con più lucidità il biennio trascorso nelle fila dei New York Knicks. Il 34enne spagnolo, da veterano di mille battaglie, ha ammesso di aver faticato a interpretare il ruolo di play titolare. Queste le sue parole:

Mi aspettavo di dover partire dalla panchina, ma ai Knicks mancava un playmaker di punta a cui potessi coprire le spalle. Non c’era Derrick Rose. Sono in NBA da 12 anni ormai e conosco i miei punti di forza e i miei limiti. Mi sono adattato alle esigenze della squadra. Spero che con Derrick le cose vadano meglio.

Calderón, in decisa controtendenza rispetto alla media NBA, mostra dunque grande umiltà. Questo non gli impedisce di guardare al futuro coi Lakers con entusiasmo:

Il mio obiettivo è arrivare a 15 anni nella lega. Ne mancano tre. L’anno scorso ho giocato 30 minuti a partita. Non credo giocherò più così tanto e in questo modo riuscirò ad allungarmi la carriera. Sono felice e carico per l’inizio della mia avventura a Los Angeles.

Il play spagnolo, come da confermato da lui stesso, è in declino atletico. Ma un giocatore con la sua esperienza non può che far comodo a dei Lakers disperatamente bisognosi di far rientrare nei ranghi il lunatico D’Angelo Russell.

NEWS NBA

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy