Hack-a-Shaq, cambiano alcune regole

Hack-a-Shaq, cambiano alcune regole

Il rallentamento delle partite negli ultimi minuti di gara è diventato un morbo per la NBA. Con questa mossa, Adam Silver spera di risolvere il problema.

Adam Silver nba

La NBA ha annunciato alcune modifiche sul regolamento riguardante i falli lontani dall’azione di gioco. Nello specifico si tratta della celebre pratica del cosiddetto “Hack-a-Shaq“, ovvero fare fallo intenzionale su giocatori notoriamente scarsi al tiro libero con l’obiettivo di spezzettare il gioco e mettere in difficoltà l’attacco avversario, specialmente nei finali di partita.

Le nuove modifiche non rivoluzionano il regolamento, ma portano tre aggiustamenti significativi.

  • La regola del “fallo lontano dall’azione di gioco” nei due minuti finali del quarto quarto o tempo supplementare (che dà origine a tiri liberi), sarà ora estesa agli ultimi due minuti di tutti i quarti.
  • I falli difensivi su rimessa saranno trattati come “fallo lontano dall’azione di gioco”.
  • La strategia del fallo intenzionale saltando addosso alla schiena dell’avversario verrà punita immediatamente con un fallo antisportivo. Fino ad oggi, tali giocate erano spesso soggette a fallo antisportivo, ma non in modo automatico.

«Ridurremo circa il 45% dei casi,» ha dichiarato il commissioner Adam Silver alla conferenza stampa di martedì a Las Vegas.

La pratica di commettere fallo intenzionale su deboli tiratori di liberi è piuttosto antica, ma negli ultimi anni il dibattito si è acceso. La conseguenza più aspramente criticata è il forte rallentamento delle partite. Noi che le guardiamo alle 3 di notte, non possiamo che essere grati al signor Adam Silver.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy