Seguici su

Road To Draft

Road to Draft 2016: Marquese Chriss

Road to Draft vi presenta Marquese Chriss, talento di University of Washington, passato in un anno dal quasi anonimato alla possibilità di essere selezionato tra le primissime scelte.

draft

“Late Bloomer” se ce n’è uno, questa PF di 208 cm. e 107 kg. nato il 2 luglio 1997 in California è arrivato con relativo ritardo sui taccuini dei principali scout NBA: l’incontro con il basket è di quelli decisamente fortuiti, tant’è che l’amore per la palla a spicchi sbocciò solamente nel 2011 quando la madre, preoccupata da un serio infortuno accorso giocando a football, lo spinse verso questo sport; dal primo contatto con il pallone alla NBA il passo è breve, se è vero che Chriss ha sviluppato doti insospettabili in questo nostro amato basket, guadagnandosi rapidamente le attenzioni di svariati college nel periodo liceale, optando infine per gli Huskies di Coach Romar.

L’anno da Freshman a UW, in compagnia dell’altro primo anno Dejounte Murray, è stato costantemente in ascesa per il talento californiano la cui considerazione da parte degli addetti ai lavori è andata rapidamente accrescendosi: da buon talento che, con un po’ di fortuna, avrebbe potuto ambire ad una tarda chiamata in qualche futuro Draft, a crack immediatamente pronto per i pro; 13.8 punti, 5.4 rimbalzi, 1.6 stoppate di media nella sua prima ( e ultima ) stagione al college per un ragazzo che con il proseguo dell’annata ha dovuto fare i conti con costanti paragoni a Ibaka, Stoudemire, Kemp e via discorrendo.

draft

credits: www.seattletimes.com

I punti di forza di questo giocatore, che ne fanno un “bocconcino” prelibato per i GM NBA, sono sostanzialmente l’atletismo e l’incredibile bagaglio offensivo: madre natura ha dotato Chriss di una buona elevazione che lo facilita in diversi aspetti del gioco; in attacco risulta essere un ottimo schiacciatore, soprattutto in transizione, ed un eccellente rimbalzista offensivo ( 85 rimbalzi d’attacco nella stagione ) mentre in difesa fa valere le sue doti atletiche in qualità di stoppatore ( 1.6 a partita in stagione ), anche grazie ai suoi 213 cm. d’apertura alare, e di disturbatore sulle linee di passaggio.

È nella metà campo offensiva che il ragazzo californiano dà il meglio di se, presentando un arsenale di soluzioni praticamente infinito: è il prototipo ideale del “4” moderno, in grado di aprire il campo per il penetra e scarica delle guardie, costituendo egli stesso una minaccia costante in situazioni di pick&pop come certifica il 35% dalla lunga distanza che ha registrato nel Washington; a questo solido tiro dalla lunga si accompagna un ancor più temibile tiro dalla media distanza, zona del campo in cui predilige portare i lunghi avversari per eseguire con facilità tiri dal gomito, la meccanica di rilascio del pallone di Chriss è davvero abbacinante e sorprendente, considerando che gioca a basket da appena 5 anni.

Le qualità offensive del ragazzo non si esauriscono al tiro dalla lunga e dalla media infatti questi non fanno che da corollario a tutta una serie di movenze che Chriss ha saputo mettere in mostra in quest’ultimo anno: pericolosità in entrata dal perimetro grazie ai piedi molto rapidi e alla noncuranza dei contatti avversari, retaggio del football praticato da ragazzo, ed un buon gioco di post dove ha allenato metodicamente conclusioni come il gancio ed il fade away ruotando su sé stesso; nei video che seguiranno potrete osservare quanto detto, lustrandovi gli occhi davanti a cotanta completezza di gioco offensivo, ricordando che quanto vedrete è frutto di un ragazzo che gioca a basket da soli 5 anni, fattore veramente decisivo in ottica Draft, considerando gli immensi sviluppi potenziali che potrebbe avere con qualche anno di lavoro in più.

A fare da contraltare a così tanta qualità intercorrono però delle problematiche non da poco, quasi tutte relative alla scarsa esperienza nel gioco da parte di Chriss: innanzitutto, nonostante la bontà dei suoi attacchi, il ragazzo dovrà necessariamente migliorare nel gioco in post e, più generalmente, nel trattamento della palla che appare alquanto grezzo al momento, inoltre dovrà ben comprendere quanto la difesa sia importante in questo gioco perché ha la malsana tendenza ad ometterla quasi del tutto; in possesso di piedi rapidi e tempi di stoppata ma del tutto assente sotto il profilo mentale, commettendo un ingente quantitativo di falli, dovuti vuoi ai pochi anni passati sul parquet ( casca ripetutamente sulle finte avversarie ) vuoi al passato nel football, sport in cui il contatto non necessario o la ricerca del pallone non vengono sanzionati con la costanza a cui assistiamo nel basket.

Un altro handicap che pende sulle possibilità del talento californiano al Draft riguarda la totale mancanza di concentrazione e di fondamentali difensivi: decisamente paradossale il fatto che ad uno spiccato senso del rimbalzo offensivo non si accompagni una rispettabile attitudine in quello difensivo; i 2.9 rimbalzi a partita sotto il proprio tabellone sono pochini per un lungo che, in una lega come l’NBA, non potrà che fare ulteriore fatica qualora non riuscisse ad incorporare basi tecniche come il tagliafuori ( non mette mai il corpo addosso all’uomo e non si cura di quello che gli succede intorno una volta partito il tiro ).

draft

credits: www.section5ive.com

Nel caso di Marquese Chriss parliamo di un talento completamente da sgrezzare, forse quello che necessita di maggior lavoro in questo Draft, ma la base di partenza è da far innamorare qualsiasi GM: parliamo di un ragazzo che, con un po’ d’esperienza e un immagazzinamento dei concetti base del gioco, rischi di diventare un giocatore in grado di spostare gli equilibri di questa lega; verrà sicuramente scelto tra le prime 7-8 chiamate di questo Draft 2016 e sarebbe molto interessante vederlo sviluppare in un contesto giovane come quello di Minnesota ( scelta numero 5 ) dove, alle dipendenze di un guru come Thibodeau, potrebbe ricevere quell’imprinting difensivo di cui necessita ed integrarsi alla perfezione nel reparto lunghi con Karl-Anthony Towns.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Road To Draft