Klay Thompson: “Siamo migliori dei Lakers dello Showtime”

Klay Thompson: “Siamo migliori dei Lakers dello Showtime”

Nel post Gara 2 Klay Thompson si è lasciato andare ad un commento a metà tra il serio e lo scherzoso riguardo le qualità dei Golden State Warriors.

Commenta per primo!

Dopo la netta vittoria in gara 2 i Golden State Warriors si preparano a volare in Ohio per i prossimi due capitoli della serie, entrambi snodi cruciali per decidere chi sarà campione NBA.

La posizione dei giocatori della Baia è sicuramente invidiabile, sopra 2-0 nella serie e una squadra completamente al massimo delle sue capacità (non solo gli splash brothers ma anche, se non di più, il resto della squadra hanno giocato due partite fantastiche), ma il cammino è ancora lungo e ricco di insidie, di cui la principale è sicuramente quella con il numero 23 sulle spalle.

La Quicken Loans Arena è sicuramente un ambiente ostico per le squadre in trasferta, lo sa bene l’MVP Stephen Curry e lo sa bene anche Draymond Green che ha voluto mantenere al massimo la concentrazione sua e dei compagni di squadra. Dopo la partita di ieri sera, infatti, qualche giornalista si è spinto a chiedere proprio a Green se gli Warriors possano essere considerati la migliore squadra di ogni tempo, ed ecco la risposta del prodotto di Michigan State :

No, innanzitutto ci mancano ancora due vittorie prima di poter festeggiare qualsiasi cosa, comunque io non guardo a questi confronti con squadre del passato. Penso sia tutto soggettivo, una persona può dire che siamo migliori degli Showtime Lakers, ma noi non ci abbiamo mai giocato contro, così come non si può dire se siamo migliori dei Bulls delle 72 vittorie perchè non li abbiamo mai affrontati.

Leggermente diverso il parere di Klay Thompson, proprio in risposta alla stessa domanda, infatti, il numero 11 ha ribattuto:

Siamo migliori dei Lakers dello Showtime

C’è sicuramente una componente scherzosa nelle dichiarazioni di Thompson, dovuta al fatto che proprio suo padre ha giocato in quei Lakers insieme a Magic Johnson e Kareem Abdul-Jabbar, ma è anche vero che con le loro prestazioni i Warriors si stanno sempre più avvicinando al rango di squadra che resterà nella storia proprio con gli Showtime Lakers e i Bulls delle 72 vittorie.

Non ci resta ora che attendere gara 3, nuovo capitolo di queste Finals che sono ancora lontane dal potersi definire concluse.

Jacopo Cigoli

@JacopoCigoli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy