Seguici su

Cleveland Cavaliers

Jerry West definisce “ridicoli” i commenti sul record alle Finals di LeBron James

L’ex Lakers si schiera a difesa di LeBron James

Uno degli argomenti più caldi e discussi in questo periodo che coincide con le NBA Finals è senza dubbio quello che riguarda LeBron James e il suo rapporto con le finali. Le ultime 6 edizioni del più importante evento mondiale di pallacanestro, infatti, hanno avuto sempre un minimo comune denominatore, ossia la presenza di quello che prima era il numero 6 e poi è diventato il 23.

Dallas Mavericks, Oklahoma City Thunder, San Antonio Spurs (2 volte) e Golden State Warriors (2 volte) sono stati, nell’ordine, gli avversari in finale di LeBron che, ad oggi, aggiungendo anche la finale del 2007, ha un record personale di 2 vittorie (2012 e 2013) e 4 sconfitte nella serie più importante dei Playoff. Nonostante James sia considerato da molti uno dei giocatori più forti di tutta la storia NBA, questo record negativo in finale, ad occhi di molti rappresenta una macchia indelebile nel curriculum del nativo di Akron, tanto che molti, sia giornalisti che tifosi, lo hanno definito “perdente”.

A difesa di LeBron, però, si è schierato un altro giocatore che per la lega ha significato molto ossia The Logo” Jerry West. L’ex giocatore dei Lakers (ed oggi membro del consiglio di amministrazione degli Warriors), infatti, ha definito “ridicoli” i commenti di coloro che criticano James per il suo record in finale, aggiungendo “se fossi in lui vorrei strangolarli tutti”. 

E’ sicuramente riduttivo giudicare un giocatore solo in base ai suoi risultati nei momenti decisivi, specialmente in uno sport di squadra come il basket in cui l’intesa del gruppo ha un ruolo assolutamente cruciale, e questo West lo sa bene (il suo record alle Finals è di 1-8), ma è altrettanto vero che da un campione come LeBron ci si aspetta sempre qualcosa di più, quella spinta alla squadra per arrivare fino in fondo, e questo in alcune occasioni è mancato. Spetterà ora proprio al 23 mettere a tacere tutte le voci e guidare la sua squadra nel tentativo di rimonta tra le mura amiche. Non sarà il risultato di queste finali a condizionare la carriera di LeBron, ma tutti ora si aspettano di rivedere il giocatore che durante i suoi anni nella lega ha deciso le sorti di molte partite decisive.

Jacopo Cigoli

@JacopoCigoli 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Cleveland Cavaliers