Waiters si faceva chiamare “Kobe Wade”

Waiters si faceva chiamare “Kobe Wade”

Dion Waiters, al tempo del college, si faceva chiamare dai compagni “Kobe Wade”. Sì, con riferimento proprio a quel “Kobe” e a quel “Wade”.

Dion Waiters

Dion Waiters non è certo noto per la sua umiltà. La guardia degli Oklahoma City Thunder non aveva problemi di personalità nemmeno durante gli anni giovanili di college a Syracuse. Waiters è stato chiamato alla #4 del Draft 2012 dai Cleveland Cavaliers, dopo che il nativo di Philadelphia aveva disputato due stagioni con gli Orange.

Secondo quanto rivela su Twitter Danny Parkins, della radio 610 AM di Kansas City, Waiters si vedeva come un mix fra Kobe Bryant e Dwyane Wade, e si faceva chiamare dai compagni di conseguenza.

Storia vera sui giorni di Dion Waiters a Syracuse: considerava il suo gioco una combinazione fra quello di Kobe e Dwayne Wade [spelling errato del nome, ndr] così si faceva chiamare dai compagni “Kobe Wade”.

Al termine della sua stagione da rookie nel 2013, Waiters affermò di essere convinto di poter diventare la miglior shooting guard della lega, subentrando ai due veterani. Ecco quanto riportava HoopsWorld.

Se ti guardi attorno, noti che Kobe, Wade e altri come loro hanno spianato la strada a giocatori come me, e le loro carriere sono quasi finite. Non sono al loro livello, ma intendo dire che ci sto arrivando. Voglio solo che tutti lo sappiano.

Infine un altro aneddoto riportato da Parkins:

Una volta, dopo una gara delle schiacciate, ho chiesto a Dion se lui fosse in grado di fare una schiacciata passando la palla fra le gambe. Mi ha guardato come se gli avessi chiesto di che colore sia il cielo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy