Seguici su

Golden State Warriors

Colpaccio Okc, Warriors battuti in gara-1: recap & pagelle

Gli Oklahoma City Thunder espugnano la Oracle Arena dei Golden State Warriors vincendo 108-102 e ribaltando il fattore campo della serie, ora pro Okc: 1-0.

 

È tempo di Western Conference Finals tra Oklahoma City Thunder e Golden State Warriors, con il primo atto della serie che va in scena alla Oracle Arena di San Francisco.

 

GOLDEN STATE: Curry, Thompson, Barnes, Green, Bogut.

OKLAHOMA: Westbrook, Roberson, Durant, Ibaka, Adams.

 

Dopo un inizio scintillante in cui i Thunder sembrano piuttosto in palla con un canestro ciascuno (eccetto Westrbook) e i padroni di casa si lasciano condurre da un buon Klay Thompson, le percentuali di entrambe le formazioni si abbassano e sul 9-8 Golden State dopo quasi 5 minuti di gioco arriva il primo time-out di Billy Donovan. 11-10 il punteggio a metà periodo, e dopo un flagrant foul fischiato a Bogut ai danni di Westbrook si accende Curry, che segna 4 punti in fila infiammando il pubblico. L’attacco Thunder produce troppe palle perse e dopo un jumper di Waiters un parziale di 5-0 firmato Curry-Barnes permette agli Warriors di allungare sul 20-13. Kanter e Westbrook provano a tenere a contatto Okc ma un altro canestro pesante di Barnes e un layup di Green portano GS sul 25-19 a 1:20 dalla sirena, con il primo quarto che si chiude 27-21 Golden State.

 

L’attacco ospite continua a fare molta fatica (le palle perse totali sono già 7 a fronte di 1 sola dei padroni di casa) e nei primi due minuti del secondo periodo, grazie alle cosiddette seconde linee, gli Warriors scavano il solco portandosi sul 37-24. Un contro-parziale Okc firmato Adams-Durant-Ibaka riporta tuttavia i Thunder a contatto sul 37-31, costringendo Kerr al time-out. La gara vive di folate e grazie ad un 7-0 (5 di Thompson, 2 di Green), i ragazzi della Baia ritrovano il +12 sul 44-32, ma come detto si va a parziali e grazie ad Adams e Durant i Thunder tornano a -6 con 4:30 da giocare dopo due grandi stoppate, una di Green e una di Ibaka. Otto punti consecutivi di Klay Thompson vanificano quanto fatto da Okc e i padroni di casa tornano così sul +12, con il secondo quarto che si chiude 60-47 grazie alla tripla di Curry sulla sirena.

 

Un ottimo Roberson prova a sostituirsi ad un Westbrook sempre più falloso in attacco (1/11) e con una tripla seguita da stoppata riporta a -10 Okc dopo che il canestro da oltre l’arco di Curry era valso il +13. Cinque punti consecutivi di Westbrook, finalmente in partita, riportano Okc a -5 sul 63-68 a metà periodo e un’altra tripla dello #0 permette ai Thunder di accorciare ulteriormente sul 66-68. Gli Warriors, però, sono bravi a reagire e con Thompson e Green rimettono 7 punti di distanza tra le due squadre, mentre Westbrook continua nel suo show personale segnando il 10° punto consecutivo. Sul 75-68 Curry segna una delle “sue” triple, direttamente dal logo della Oracle Arena, Okc prova a rispondere ma l’MVP ne manda a bersaglio un’altra, mantenendo la doppia cifra di vantaggio. Due liberi di Westbrook dopo un bel canestro di Kanter riportano Oklahoma sotto di 6 punti (77-83 a 100 secondi dalla sirena) e l’appoggio alla tabella di Durant nel finale vale l’88-85 Golden State, punteggio su cui si chiude il terzo quarto.

 

Il quarto periodo si apre con la tripla di Durant che impatta la partita a quota 88 e Waiters porta avanti i Thunder dopo una vita grazie ad un bel canestro in penetrazione ed è ancora lo stesso ex Cleveland a segnare una clamorosa tripla dall’angolo per il +4 Okc. 97-93 a metà periodo, Westbrook firma prima il +6 dal palleggio, poi serve l’assist ad Adamas per il 101-93 con 4:30 sul cronometro. Curry segna da tre punti, Green appoggia ne appoggia due alla tabella e tra le due squadre vi è solamente un possesso di distanza sul 101-98 con 2:30 da giocare. Harrison Barnes dal post firma il 100-101, mentre Durant non riesce più a trovare ritmo offensivo (sono 7 le conclusioni consecutive sbagliate dal #35), ma il 2/2 di Adams in lunetta vale il 103-100 e Durant, con 30 secondi sul cronometro, manda a bersaglio il tiro del +5. Iguodala segna in penetrazione e inizia quindi la girandola di tiri liberi: Westbrook segna il primo ma sbaglia il secondo per il 106-102, Curry non trova il bersaglio da tre punti ed è ancora lo #0, in lunetta, a chiudere i conti: gli Oklahoma City Thunder sbancano la Oracle Arena vincendo 108-102 e si portano 1-0 nella serie.

Precedente1 di 2




Recap

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors