Seguici su

Cleveland Cavaliers

Kyrie Irving si prende le colpe per la sconfitta contro i Bulls

Il playmaker dei Cavaliers ha fatto mea culpa per i suoi errori che hanno portato Cleveland alla sconfitta contro gli uomini di Chicago.

Irving

Ieri notte i Cleveland Cavaliers hanno compiuto un piccolo passo falso, perdendo per 105-102 contro i Chicago Bulls, che hanno un piede e mezzo fuori dalla postseason (con ancora due partite da giocare, e il record fissato sul 40-40 soltanto due vittorie, e tre sconfitte per gli Indiana Pacers, potrebbero assicurare alla franchigia dell’Illinois un posto ai playoff). Di questa sconfitta si è addossato tutta la colpa il playmaker dei Cavs, Kyrie Irving, che ha dichiarato candidamente di non aver giocato ai suoi livelli e di aver per questo danneggiato la squadra:

Sono stato davvero pessimo a canestro stasera.

E non solo. Irving ha perso ben quattro palloni durante l’ultimo quarto della partita, concedendo ai Bulls il parziale di 15-0 a inizio ultima frazione che ha poi portato gli uomini di Fred Hoiberg al trionfo. Una sconfitta che impedisce ai Cavs di appropriarsi matematicamente della seed #1 per i playoff e che mantiene viva, come accennavamo, qualche flebile speranza per i Bulls.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Cleveland Cavaliers