Quella volta che Tyronn Lue stoppò Kobe…

Quella volta che Tyronn Lue stoppò Kobe…

Tyronn Lue, attualmente Coach dei Cleveland Cavaliers, ha raccontato un interessante aneddoto, che risale a quando era compagno di squadra di Kobe Bryant,

Tyronn Lue e Kobe Bryant ai tempi dei Lakers

Tyronn Lue, prima di diventare Head Coach dei Cleveland Cavaliers, era noto ai più principalmente per essere stato lo zerbino di Allen Iverson in una storica azione di gioco.

Lue all’epoca giocava ai Los Angeles Lakers, avendo vestito la casacca giallo-viola dal 1998 al 2001. Dave McMenamin di ESPN ha riportato una curiosa vicenda accaduta in allenamento, che coinvolse l’attuale allenatore dei Cavs e l’attuale stella della squadra di L.A.: Kobe Bryant. Questa sera (mercoledì) i Cavaliers incontreranno i Lakers. Dopo l’allenamento di ieri, Lue ha raccontato questo piccante aneddoto.

«Un giorno stavamo giocando 5 contro 5, squadra gold contro squadra white. Eravamo io, Devean George, Brian Shaw, Mark Madsen e mi pare Slava Medvedenko contro il quintetto titolare: Fish, Kobe, Shaq.

Per farla corta, si giocava il canestro per la vittoria e lui [Bryant] è andato lungo la linea di fondo mentre io ero sul gomito. Io sono sceso e ho stoppato la sua schiacciata sul vetro. Lui ha provato a schiacciare e io l’ho stoppato sul vetro. Abbiamo fatto contropiede, Devean George ha segnato il layup della vittoria e Brian Shaw ha cominciato “Ahhhh, ti ha stoppato!“. Kobe è diventato matto. Subito voleva darmele, poi voleva che giocassimo un uno-contro-uno dopo l’allenamento.

Io ho detto: “No, non faccio con te un uno-contro-uno.” Era veramente su di giri… Poi ogni volta che ci incontravamo sul campo mi stava addosso. Era una cosa assurda. Poi, come successo altre volte, voleva l’uno-contro-uno tutti i giorni… Ogni volta che arrivava un nuovo giocatore, lo sfidava uno-contro-uno per fargli capire: “Lo sai chi sono, lo sai chi sono?“. La stessa cosa accadde a Glen Rice. Fa semplicemente parte della sua natura competitiva, è veramente incredibile.»

Lue, 38 anni, è ora allenatore, come altri ex-compagni di Kobe (37 anni): Shaw (49) e Luke Walton (35).

«Mi fa sentire vecchio. Questo ti fa capire la sua grandezza

Lue ha rivelato di non aver ancora parlato con Bryant da quanto è diventato Coach dei Cavaliers. L’ultima volta è stato quando il neo-allenatore chiamò il Black Mamba per chiedergli una maglia #24 autografata da regalare a un amico. Lue spiega anche la natura del rapporto con Bryant.

«Parli con Kobe quando c’è l’occasione, non puoi pensare di stare sempre con lui. Quando lo vedo, quando lo chiamo o ho bisogno di parlargli, lui c’è sempre. Lui risponde sempre e sono sicuro che mercoledì verrà probabilmente ad abbracciarmi prima della partita e a congratularsi con me. Abbiamo costruito un grande legame, giocando per tre anni insieme a L.A., vincendo 2 campionati. È un legame che non si può rompere.»

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy