Seguici su

Detroit Pistons

Stan Van Gundy critica duramente l’instant replay

Il Coach dei Detroit Pistons Stan Van Gundy si è espresso molto duramente nei confronti del regolamento relativo all’instant replay.

stan van gundy

Il Coach e President of basketball operations dei Detroit Pistons, Stan Van Gundy, si è espresso in modo contrario (e anche piuttosto decisamente) verso la regola dell’instant replay. Prima della partita contro i Brooklyn Nets di lunedì sera, ha dichiarato:

«Se fosse per me, per qualsiasi sport, ne farei completamente a meno. Non riesco a sopportare il fatto di guardare una partita e vedere che gli ultimi due minuti durano 20 minuti e cose simili. Capisci, andare al monitor per quattro volte negli ultimi due minuti, mi fa pensare: “Cavolo, non possiamo semplicemente giocare a pallacanestro?»

Dall’apertura del replay center di Secaucus, N.J., all’inizio della stagione 2014-2015, le pause durante le partite sono decisamente aumentate. All’inizio di questa stagione, la NBA ha rilasciato una nota in cui si distinguevano il genere di giocate che gli arbitri possono valutare in campo e quelle in carico al replay center.

Van Gundy è consapevole delle buone intenzioni di questa pratica, ma si lamenta per l’eccessivo numero di stop.

«So che l’obiettivo è quello di prendere decisioni giuste, ma anche questo è vero solo in parte, in quanto non si controllano chiamate o non-chiamate arbitrali sui falli, che sono i fischi più importanti. Se non ci preoccupiamo per queste cose, perché ci dovremmo preoccupare per il resto? Io, veramente, non lo capisco. Abbiamo selezionato alcune chiamate in alcuni momenti delle partite, al fine di prendere decisioni giuste. Quindi per gli altri 46 minuti di gioco, e per certe altre decisioni negli ultimi 2 minuti, sembra che non siamo interessati alla correttezza.»

Nonostante la dura critica al nuovo regolamento, Van Gundy esprime solidarietà verso gli arbitri.

«Gli arbitri fanno errori, come li facciamo noi. Li hanno sempre fatti e continueranno a farli, fa parte del gioco. Non capisco perché dobbiamo continuamente ricorrere al monitor. Veramente, non lo capisco.»

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Detroit Pistons