Boris Diaw ed il segreto della sua forza all’interno del suo armadietto

Boris Diaw ed il segreto della sua forza all’interno del suo armadietto

Il giornalista Jeff McDonald di San Antonio Express-News ha scoperto una particolare curiosità del lungo francese

Boris Diaw ha una macchina del caffè/capuccino nel proprio armadietto all’interno dello spogliatoio di San Antonio. Questa la “scioccante” rivelazione twittata da Jeff McDonald, giornalista locale per San Antonio Express-News.

La macchina del caffè è stata regalata dall’attuale GM dei Cleveland Cavaliers David Griffin che anni fa faceva parte del front-office dei Suns, proprio quando Boris Diaw arrivò in seguito di una sign-and-trade per Joe Johnson. Non è un segreto, già Marc Stein (giornalista ESPN) in passato aveva raccontato della passione di Diaw verso la caffeina, scoperta proprio durante un divertente siparietto ai tempi della militanza all’interno del roster di Phoenix:

“Un giorno vedemmo Boris camminare all’interno della palestra indossando ciabatte infradito con il suo cappuccino in mano, un must di ogni mattina” ha svelato Griffin. “Era il periodo degli allenamenti pre-draft, Boris vide la macchina verticale (per misurare la verticalità di un salto) e chiese cosa fosse. Gli dicemmo che si trattava, appunto, della macchina che ti permetteva di misurare la propria verticalità osservando il tocco effettuato in salto dal candidato. Chiese chi fu colui che riuscì a saltare maggiormente e gli rispondemmo il nome di Amar’e Stoudemire, in grado di arrivare fino all’ultimo centimetro disponibile del misuratore.

Boris pose il cappuccino sul pavimento, si tolse le infradito e arrivò a toccare l’ultimo centimetro disponibile al primo tentativo. Poi si rimise le infradito, riprese il cappuccino e se ne andò dicendo “Non era così difficile“.

Gli spinaci per braccio di ferro, il caffè/capuccino per Boris Diaw.

LEGGI ANCHE: COACH POP FA DIMAGRIRE BORIS DIAW COSI’

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy