Kobe Bryant il record dei Warriors: “Stiamo giocando di merda ma…”

Kobe Bryant il record dei Warriors: “Stiamo giocando di merda ma…”

Kobe Bryant e Byron Scott parlano della prossima sfida che vedrà i Lakers affrontare i Golden State Warriors, alla ricerca del record NBA da 16 vittorie

Kobe Bryant & Steph Curry

Con la vittoria sui Denver Nuggets i Golden State Warriors hanno eguagliato il record di W consecutive aprendo una nuova stagione NBA: un 15-0 che non si vedeva dai tempi dei famosi Houston Rockets dell’annata 1993-1994. Domani notte avranno la possibilità di svettare la classifica in solitudine ed anche i meno informati sanno che i Los Angeles Lakers, i prossimi avversari, sono forse solo una formalità (“forti” del pessimo record attuale di 2-11).

Chi non sembra essere particolarmente d’accordo è Kobe Bryant, anche se ammette che le cose non stanno andando per niente bene da avere certezza di potersela giocare alla pari:

“Ho visto tante cose strane accadere” ha dichiarato ai microfoni di Espn dopo la sconfitta interna contro i Portland Trail Blazers. “Stiamo giocando di merda, ma possiamo giocare benissimo o giocare malissimo. Non si sa mai.”

Parole di rispetto sono invece arrivate da coach Byron Scott, al quale è stato chiesto una sua visione dei Golden State Warriors e su come pensa si presenteranno alla sfida:

“Sono la migliore squadra che ho visto nella NBA, e sono la migliore squadra che io abbia mai visto da un po’ di tempo. Non hanno avuto molti giri a vuoto durante queste prime partite stagionali, e quando li hanno avuti sono riusciti a superarli con tranquillità perchè la loro fiducia e il loro modo di giocare gli permettono di non andare nel panico. Si può anche essere sopra di 23 punti ma a loro non importa, soprattutto se gli rimangono ancora due quarti da giocare. La differenza è trovarsi con 23 punti di vantaggio negli ultimi 6 minuti della partita e, forse, si può avere qualche chance di vittoria. Li guardo come fossi un tifoso quando li vedo giocare. Sfortunatamente non avrà questo lusso martedì sera. Mi piacere vederli giocare perchè fanno tutte quelle cose delle quali parliamo noi allenatori. Passare la palla, giocare l’uno per l’altro, giocare come squadra.”

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy