Bazemore si ferma per un problema alla caviglia

Bazemore si ferma per un problema alla caviglia

L’ala piccola degli Atlanta Hawks si è fatto male contro gli Utah Jazz, ma non dovrebbe rimanere ai box troppo a lungo: nel dubbio, scalda i motori Sefolosha

bazemore

Kent Bazemore è uscito anzitempo dalla sfida di domenica scorsa dei suoi Hawks contro i Jazz senza fare più rientro nella contesa vinta alla fine da Utah per 97-96: l’ala piccola di Atlanta ha subito un infortunio alla caviglia che ha sconsigliato lo staff medico a rimetterlo in campo per poter valutare meglio le sue condizioni.

Bazemore si è subito sottoposto ai controlli di routine che tuttavia hanno dato esito negativo e quindi non fanno temere un lungo stop: in ogni caso dovrà rimanere fermo per qualche partita a scopo precauzionale, seppur si tratti di una lieve distorsione.

Un peccato per Bazemore che stava vivendo un ottimo inizio di stagione durante il quale è stato promosso titolare nello starting five da coach Mike Budenholzer con discrete cifre: 12.4 punti e 4.4 rimbalzi di media a gara nelle 12 partite finora disputate, e domenica prima dell’infortunio il nativo di Kelford, North Carolina, aveva messo a referto 16 punti in 30 minuti di utilizzo.

Bazemore è alla sua quarta stagione nella Lega: rimasto undrafted nel 2012 dopo essere uscito da Old Dominion University con sede a Norfolk, Virginia, Kent riesce a strappare un contratto coi Golden State Warriors dopo aver disputato un’ottima Summer League. Tuttavia il suo soggiorno ad Oakland lo vede relegato in fondo alla panchina se non mandato spesso e volentieri a farsi le ossa in D-League, fino al trasferimento del febbraio 2014.

Nell’ambito della trade per Steve Blake, i Lakers ricevono in cambio Bazemore che si ritaglia un discreto spazio nella rotazione gialloviola giocando buoni scampoli di partita lasciando intravedere ottime cose. Ottime cose viste anche in Georgia tant’è che l’estate scorsa approda agli Hawks e diventa un solido giocatore in uscita dalla panchina grazie al suo dinamismo e alla sua mano educata col tiro da 3 punti.

Dopo l’infortunio occorso nel finale dell’ultima annata a Thabo Sefolosha, ne prende il posto in quintetto e non lo lascia più fino a questo stop forzato. Non più tardi di dieci giorni fa, Bazemore ha realizzato il suo career-high nella NBA con 25 punti messi a segno nella vittoria contro i Washington Wizards, un numero da ritoccare non appena potrà tornare sul parquet.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy