Seguici su

News NBA

Assistente anonimo: “Jimmer Fredette pensa che in NBA siano tutti stupidi.”

Fredette il superbo?

Fredette

Jimmer Fredette è appena stato tagliato dai San Antonio Spurs. La carriera NBA dell’ex star collegiale di Brigham Young non pare proprio destinata a decollare; proprio in queste ore, infatti, sono state diffuse delle dichiarazioni piuttosto pesanti e controverse, riguardanti Fredette stesso.

Michael Lee di Yahoo ha chiesto ad alcuni “officials” della Lega un parere riguardo a Jimmer. La risposta di un assistant coach anonimo – di quelli che hanno allenato Fredette in passato – è stata a dir poco brutale:

“Jimmer crede che siano tutti stupidi. Pensa che siano tutti lì per mettersi da parte in attacco e per lasciare che lui si prenda tutti i tiri che vuole. Non è così che funziona in NBA. Fredette non ha alcuna intenzione di aggiustare il suo gioco, di mettersi a disposizione dei compagni. Ha ancora in testa quello che ha fatto a Brigham Young, al college; ho fatto questo e ho fatto quello. Ma è passato un sacco di tempo da Brigham Young.”

 

Fredette è al quarto fallimento in neanche cinque anni di esperienza NBA e con gli Spurs non ha avuto nemmeno l’occasione di esordire in regular season. In precedenza aveva giocato per Kings (due anni e mezzo), Bulls (otto partite) e Pelicans (una stagione), senza mai lasciare il segno: 6.1 punti, 1 rimbalzo e 1.4 assist di media in carriera, con solo il 41% dal campo. Il dato di fatto incontrovertibile, dichiarazioni e attitudine a parte, è che Fredette non è riuscito a replicare le magie realizzative del periodo collegiale (nell’anno da senior a BYU ha chiuso con quasi 29 punti di media e con l’attenzione di tutto l’impianto mediatico collegiale, e non solo, puntata su di sé). Mike Malone e Tom Thibodeau, che l’hanno allenato in passato, sostengono che Fredette abbia una buonissima propensione al lavoro e all’autocritica. Le recenti dichiarazioni dell’assistant coach senza nome, però, paiono sovvertire questa prospettiva. Fredette, a 26 compiuti, deve comunque trovare il modo di dare una scossa alla propria carriera. Il fallimento non è più contemplato, la superbia neppure.

Mercato NBA

News NBA

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA