Seguici su

News NBA

Webster ancora fuori, il mistero si infittisce

L’ala dei Washington Wizards continua a lamentare dolore all’anca destra: per lui nuovi esami approfonditi in Nebraska da un luminare della materia

webster

Martell Webster sta diventando un vero e proprio enigma in casa Washington Wizards: il nativo di Edmonds, Washington, è in infermeria dai primi giorni del training camp a causa di un dolore persistente all’anca destra. I tempi di rientro erano stati fissati in una ventina di giorni nell’ultima decade di settembre, ma ora che siamo nel periodo indicato per rivederlo in campo, di Webster non c’è traccia.

O meglio, non ci sono sue tracce al centro d’allenamento dei Wizards che non potranno usufruire dei suoi servigi ancora per qualche tempo. L’ex giocatore di Portland Trail Blazers e Minnesota Timberwolves è stato mandato in questi giorni in Nebraska per sottoporsi ad alcune visite specifiche da un luminare del settore, per capire bene con che tipo di problema è alle prese Webster ed in che modo deve procedere lo staff medico nella capitale. La notizia è stata riportata da Jorge Castillo del The Washington Post.

Webster è un elemento che farebbe molto comodo a coach Rany Wittman: nella testa dell’allenatore dei Wizards, il prodotto di Seattle Prep High School andrebbe a ricoprire il ruolo di stretch four come 4 atipico che agisce sul perimetro ed apre il campo col suo temibile tiro da 3 punti, senza dimenticare che può giocare anche da ala piccola che poi è il suo ruolo naturale.

E proprio nel ruolo di numero 3 sorgono i maggiori problemi per Wittman in vista dell’esordio in regular season all’Amway Center di Orlando contro i Magic il prossimo 28 ottobre: niente Webster, niente Alan Anderson alle prese coi soliti problemi alla caviglia sinistra, forse niente Jared Dudley anche se l’ex Bucks sta facendo di tutto per tornare in tempo per il debutto, rimane il solo Otto Porter a disposizione.

Quando tornerà invece a disposizione anche Webster, questo al momento è un mistero: lo staff medico dei Wizards auspica che il responso degli ulteriori controlli di questi giorni non sia negativo, in particolare si spera che alla scelta assoluta numero 6 nel Draft 2005 venga scongiurato il rischio dell’intervento chirurgico che lo costringerebbe ad uno stop molto lungo.

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in News NBA