Seguici su

Detroit Pistons

Stan Van Gundy striglia i suoi Pistons: “Sono troppo egoisti”

Dopo la sconfitta subita per mano dei Brooklyn Nets durante la gara di preason di giovedì scorso, il capo allenatore di Detroit non è voluto passarci sopra ed ha criticato duramente i suoi giocatori.

stan van gundy

Se c’è un allenatore passionale, vigoroso e allo stesso tempo molto preparato e competente, quello è di sicuro Stan Van Gundy fratello di Jeff (storico head coach dei Knicks negli anni ’90) e attualmente seduto sopra la panchina dei Detroit Pistons, franchigia sulla quale indubbiamente c’è e ci sarà molto da lavorare. E proprio per la mole di lavoro ingente che richiede Motor City non c’è assolutamente tempo da perdere, nemmeno nelle gare di preseason che a detta di Van Gundy richiedono il massimo impegno possibile.

Ecco perché la sconfitta subita dai Pistons per mani dei Brooklyn Nets nella partita di giovedì scorso con il punteggio di 93 ad 83 ha fatto letteralmente infuriare SVG che la strigliato a dovere i suoi giocatori.  Queste le parole di Stan Van Gundy raccolte per noi dal Detroit Free Press:

“Ai ragazzi, durante la partita, gliel’ho detto più volte, anzi è stata la prima cosa che gli ho detto: non stiamo giocando per niente in maniera corale. La nostra è stata una performance caratterizzata da molto egoismo, con i giocatori che non si passavano la palla neanche se erano liberi. Volevano solo vedere se riuscivano a fare un altro dribbling e prendere da soli il tiro e così facendo hanno chiuso ogni angolo di passaggio”.

Anche Reggie Jackson, che questa estate ha firmato un’estensione contrattuale da 80 milioni di dollari complessivi candidandosi a point guard titolare in grado di trascinare la squadra, è stato vittima di parole non proprio zuccherose da parte del proprio capo allenatore:

“Non ha giocato per niente bene, ha forzato ogni tipo di giocata”.

Come parziale scusante per quanto riguarda Reggie Jackson dobbiamo dire che il play dei Pistons sta soffrendo per un’infiammazione al tendine d’Achille, ma se Stan Van Gundy ha notato certi difetti a meno di venti giorni dall’inizio della regular season, urge un veloce cambio di rotta per la franchigia di Detroit.

LEGGI ANCHE: I Pistons su Markieff Morris.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Detroit Pistons