NBA in lutto, è morta la leggenda Moses Malone

NBA in lutto, è morta la leggenda Moses Malone

Nba in lutto, ci lascia Moses Malone

Grave lutto nel mondo NBA in questa uggiosa domenica di settembre: la leggenda NBA degli anni ’80 Moses Malone, centro tra i migliori di ogni epoca e uno dei più grandi rimbalzisti visti nella Lega, è infatti deceduto nella sua casa di Petersburg, in Virginia, all’età di 60 anni. Dalle prime indiscrezioni, l’ex giocatore sarebbe morto all’improvviso, nel sonno, durante la notte.

Malone, centro di 2.08 dalla grande potenza fisica e agonismo, è stato il terzo giocatore della storia a passare professionista direttamente dal liceo, esordendo nel 1974, a 19 anni, negli Utah Stars in ABA e approdando nella Lega due anni dopo, a Houston. In NBA ha vestito le casacche di Rockets, Sixers, Bullets (gli antenati degli attuali Wizards), Hawks, Bucks e Spurs, ma è stato nella Città dell’Amore fraterno che ha lasciato il segno più indelebile, vincendo il titolo nel 1983 (formando con Julius Erving una delle coppie più forti della storia) e risultando anche MVP delle Finali. Ha chiuso la carriera a oltre 20 punti e 12 rimbalzi di media, venendo votato per 3 volte MVP della stagione, (1979, 1982, 1983), e piazzandosi all’ottavo posto tra i migliori realizzatori e al quinto tra i rimbalzisti di ogni epoca (primo assoluto invece per quanto riguarda i rimbalzi offensivi). Ovviamente Hall of Famer già dal 2001, è stato inserito in seguito anche nell’esclusivissimo club dei 50 giocatori più forti dei primi cinquant’anni della Lega.

Lega che dunque piange ora una delle sue stelle più luminose, tra i principali artefici della sua rinascita avvenuta negli anni ’80 dopo le difficoltà del decennio precedente, ormai fuori dal mondo NBA ma pur sempre figura di riferimento per l’intero movimento cestistico americano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy