Seguici su

Philadelphia 76ers

Joel Embiid di nuovo sotto i ferri: già finita anche la stagione 2015/2016?

Assume sempre più i colori dello psicodramma quello che si sta consumando a Philadelphia e che sta vivendo in prima persona Joel Embiid: dopo le preoccupanti voci trapelate a giugno riguardanti un recupero più lento del previsto dal lungo infortunio al piede che l’ha costretto a saltare l’intera stagione d’esordio, pare ora sicuro che il lungo camerunense debba ricorrere a una seconda operazione, che potrebbe precluderne l’attività agonistica anche nella prossima stagione.

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI MERCATO

Le decisione, trapelata sulle pagine del locale Philadelphia Inquirer, sarebbe stata presa dalla franchigia stessa dopo che gli esami di giugno avevano evidenziato problemi sul decorso verso il pieno recupero, mentre Embiid iniziava ormai a correre e a sentirsi bene: pare che tuttora il giocatore non avverta problemi al piede. Ma il responso medico è stato di tutt’altro avviso, e sembra ormai certa l’esigenza di un secondo intervento chirurgico: ancora sconosciuti i tempi di recupero, ma pare molto probabile la perdita di un’ulteriore stagione per il giocatore.

LEGGI TUTTI GLI AFFARI UFFICIALI

Embiid, camerunense che ha iniziato a giocare a basket a soli 16 anni, nell’unica stagione a Kansas aveva mostrato talento e margini di miglioramento tali da prospettarne un eccezionale avvenire tra i pro, tanto da renderlo a lungo prima scelta assoluta “virtuale” nel corso del 2014, in un Draft ritenuto peraltro eccezionale; ma dopo i problemi alla schiena occorsi nella stagione da freshman, pochi giorni prima del Draft 2014 aveva accusato una frattura da stress al piede destro che l’ha costretto all’intervento chirurgico e alla scalata fino alla terza pick, detenuta appunto dai Sixers. Ora il nuovo infortunio e le conseguenti preoccupazioni sul suo futuro: tanto che i Sixers si erano già cautelati, chiamando il centro Jahlil Okafor all’ultimo Draft e acquisendo Jason Thompson e Carl Landry dai Kings per dare ulteriore profondità alla frontline. Sicuramente però il GM Sam Hinkie avrebbe di gran lunga preferito saggiare sul campo le dosi della sua prima scelta di un anno fa.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Philadelphia 76ers