Seguici su

New York Knicks

Pistons pronti a cedere Brandon Jennings, interesse per Hardaway jr.

L’avventura di Brandon Jennings a Detroit, iniziata nel 2013, quando ha raggiunto Motown dai Milwaukee Bucks in cambio di Brandon Knight, Kris MiddletonV’jačeslav Kravcov, potrebbe già essere al capolinea.

Con l’arrivo di Reggie Jackson dagli Oklahoma City Thunder, nell’ambito di uno scambio a tre squadre che comprendeva anche gli Utah Jazz, il 19 febbraio 2015, infatti, la dirigenza dei Pistons sembra propensa a cedere il nativo di Compton per arrivare alla guardia dei New York Knicks, Tim Hardaway jr.

Nelle 41 partite giocate nell’ultima stagione, prima di infortunarsi al tendine d’Achille sinistro proprio nella partita contro i Bucks del 24 gennaio, Jennings ha viaggiato a cifre assolutamente rispettabili, collezionando 15.4 pts e 6.6 ass in 28.6 minuti di media, aggiungendo anche 2.5 rbd e 1.1 stl. Nelle 41 partite dopo il suo infortuinio i Pistons hanno messo insieme un record di 15-26, con Reggie Jackson che, dal suo arrivo, ha collezionato cifre importanti: 17.6 pts, 9.2 ass, 4.7 rbd in 32.2 minuti di media in 27 partite.

Tuttavia il nome di Hardaway jr. come possibile contropartita per l’ex Virtus Roma non convince tutti gli addetti ai lavori: infatti la guardia dei Knicks ha messo insieme 11.5 pts, 2.2 rbd e 1.5 ass in 24 minuti di media, per 70 partite. Cifre non molto diverse da quelle fatte registrare da Kentavious Caldwell-Pope, attuale guardia titolare a Detroit, e che devono sì essere contestualizzate nell’ambiente Knicks, ma che sono ugualmente non troppo esaltanti considerando il fatto che Hardaway jr. è rimasto la principale e unica opzione a New York dopo le partenze, in direzione Cleveland, di J.R. Smith e Iman Shumpert. Sicuramente il principale sponsor dell’approdo del #5 dei Knicks in maglia Pistons è il padre, Tim Hardaway Sr., ex All-Star NBA e attuale viceallenatore a Motown, che potrebbe essere tentato di allenare il figlio, come succede in quel di Los Angeles, sponda Clippers, con Doc e Austin Rivers.

Un ultimo ostacolo potrebbe riguardare però il contratto di Jennings, che percepirà 8.3 milioni $ nel 2015-16, prima di diventare free-agent. Per assorbirlo i Knicks dovrebbero includere nella trade non soltanto Hardaway (che percepirà 1.3 milioni $), ma anche qualche altro assets, e persino la loro trade exception.

Un’operazione difficile, ma non impossibile, di cui bisognerà seguire attentamente l’evoluzione.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in New York Knicks