Seguici su

Golden State Warriors

Cavs-Warriors, che battaglia Gara 1! LeBron super, ma Golden State vince 108 a 100 dopo un supplementare

E alla fine arrivarono: le Finals NBA 2015 prendono ufficialmente il via . Siamo in casa dei Golden State Warriors, l’Oracle Arena ed è proprio un Oracolo quello che ci vorrebbe per capire come finirà questa fantastica serie che vedrà i ragazzi di Steve Kerr affrontare i Cleveland Cavaliers di Coach Blatt e del Re, niente meno che LeBron James. C’è l’MVP della stagione in corso, Steph Curry, che giocando divinamente sogna di portare un titolo alla propria franchigia che manca da 40 anni; c’è il Prescelto che gioca per il suo stato d’origine (viene da Akron, la stessa città di Curry, come se il destino non si fosse già divertito abbastanza) e che sogna di portare un titolo a Cleveland dove non è mai arrivato in 45 anni di storia. James-T.Thompson-Mozgov-Shumpert-Irving vs Barnes-Green-Bogut- K.Thompson-Curry sono i quintetti iniziali, la palla a due è lanciata, che le Finali abbiano inizio.

Primo Quarto. Subito Cleveland in attacco e primi due punti di Tristan Thompson dal post basso, il suo omonimo Klay non riesce a segnare nel capovolgimento. LeBron commette fallo in attacco e permette ai Warriors di ripartire ma Curry è impreciso per due volte di seguito dall’arco. Primo punto anche per James che mette a referto un libero su due, risponde Curry con un jumper defilato dalla media per i primi due punti suoi e della squadra. Ottimi rimbalzi offensivi prima di Thompson e poi di Mozgov che permettono a LeBron di giocarsi l’azione in post basso, ma Bogut lo stoppa con decisione facendo ripartire i suoi; Klay Thompson è fermato irregolarmente e fa 2 su 2 ai liberi. Bogut ancora blocca Mozgov, LeBron tuttavia punisce in jumper dopo l’errore di Green. Curry trovato bene da Bogut finta e segna dal pitturato Cavs, James è preciso in jumper e non concede l’allungo, Green va a segno dalla lunetta. Azione confusa e ripetuta da ambo le parti, risolve il tutto Bogut che corregge l’errore di Green con una schiacciata: LeBron risponde presente in area Warriors e time-out per coach Kerr. Si rientra con 6 minuti e mezzo da disputare e i Warriors mettono insieme un’ottima azione che si conclude con la tripla di Barnes, Cavs che non sono precisi e sbagliano con Thompson, Irving allora in difesa decida di salire in cattedra e stoppa Curry. Dall’altra parte LBJ fa da 2 su 2 dalla lunetta e siamo così sul risultato di 11 pari; coach Blatt fa riposare Shumpert inserendo J.R. Smith  e Kerr fa entrare Iguodala per Barnes. Ottimi due punti per Mozgov che batte Bogut, allunga ancora Irving dall’arco con Golden State che spreca un’opportunità commettendo fallo in attacco (secondo gli arbitri è Iguodala il colpevole): ora in campo che anche Livingston per Klay-T. Mozgov sgna un solo liberosu due a disposizione, Irving sembra non soffrire troppo per la tendinite rubando un pallone sulla metà campo e concludendo il layup. Ottimo spunto di Iguodala che in fade-away batte il centro dei Cavs, Cleveland non riesce a sfruttare l’azione successiva e nuovo timeout per Kerr; LeBron James e soci conducono con il punteggio di 19 a 14, 2 e 33 i minuti da giocare. Anche Jones e Ezeli in campo ora, ma è Smith a punire da 3 per il + 10 Cavs, con Cleveland che ora distribuisce bene e velocemente il pallone. Dellavedova in campo per Irving, buonissimo fin qui, offre subito a LeBron una tripla per l’allungo, messa a segno dal 23. Curry in panchina per Barbosa, Ezeli sfrutta il bonus e fa due su due dalla lunetta. Ottimo Smith ancora con una tripla in step back difficilissima, risponde Barbosa in jumper con l’aiuto del vetro. Ultimi secondi di primo quarto che si concludono con Iguodala che dribbla la difesa di Cleveland e va a schiacciare, 29 a 19 in favore dei Cavaliers il risultato.

Secondo Quarto. L’errore in fade-away di Barnes apre il secondo quarto, sbaglia anche Smith che tenta una difficile tripla con l’uomo addosso: i primi due punti del quarto sono di Livingston che vince tenacemente il rimbalzo in area Cleveland. Inerzia che sembra pendere in favore di Golden State, Iguodala capisce il momento e segna in jumper dalla media. Irving penetra fortemente e scarica per Mozgov che conclude l’azione con una prepotente schiacciata, coach Kerr decide per un timeout. Anche Speights in campo dopo l’infortunio che lo ha costretto a saltare le ultime 8 partite di playoffs, e subito va a segno vincendo l’1 vs 1 contro Smith; si ripete poco dopo dalla media per il -4 Warriors. Irving centra il canestro mostrando una buona tenuta fisica, Kerr richiama ancora i suoi con un timeout. Uncle Drew riposa ora e c’è Dellavedova che marca stretto Curry, ma lo Splash Brother dall’altezza della free throw line è glaciale: risponde allora LeBron in jumper da 2 ma Speights continua l’ottimo momento e fa muovere la retina. Green batte LeBron sotto canestro e va a segno per il – 3 Golden State, questa volta la risposta del Re è un air ball da 3 punti, allora Curry pareggia andando proprio a segno dall’arco, con coach Blatt che chiama un timeout. Poco meno di 4 minuti al termine, T-Thompson conquista un buonissimo rimbalzo offensivo subendo fallo da Bogut, ma Shumpert sbaglia facendosi intercettare il passaggio da Curry che lo dribbla ancora con il crossover e segna da 3. Il folletto con il numero 30 è spiritato e prima offre un ottimo pallone a Barnes che finta bene su Thompson ma viene murato da Mozgov, poi penetra in area tra i giganti dei Cavs e segna in layup. Shumpert si fa perdonare la palla persa andando a segno dall’arco, Green di prepotenza penetra e schiaccia, Irving ripete l’azione appoggiandosi però al vetro; Bogut trovato da Curry per l’alley oop rinuncia alla schiacciata e offre al volo una tripla per Klay Thompson che la sbaglia, ma segna subito dopo. James decide di far carburare i suoi e va a canestro, portando i suoi sul 48 a 46 dopo aver annullato il vantaggio di 5 punti dei Warriors; nessuno marca Green però, che viene trovato da Curry e vola al ferro facilmente. Ultimi secondi della prima metà di gioco che dovrebbero concludersi sul 48 pari ma J.R. Smith decide di prendersi l’ultimo tiro che si traduce nell’ennesima tripla con l’uomo attaccato, il tiro entra ed allora è 51 a 48 per i Cavaliers.

Terzo Quarto. Titolarissimi in campo per questa penultima frazione di gioco e dopo una serie di errori LBJ va a referto più volte ma trova sulla sua strada Curry che in step back segna due punti; Irving  offre a Mozgov un alley oop conclusa bene e siamo sul 59 a 52 Cleveland. Shumpert ruba palla a Curry facendo ripartire i suoi con Kyrie pronto a concludere al ferro ma Thompson trattiene Bogut e gli arbitri interrompono l’azione fischiando fallo in attacco. Klay-T accorcia a -5  con due ottimi punti di pregevole fattura, James offre a Mozgov il jumper dalla linea dei liberi ma sbaglia, Irving tuttavia cattura il rimbalzo e subisce fallo da Curry: Shumpert è impreciso da 3, Barnes invece punisce proprio dall’arco. Bank shot difficilissimo per LBJ che mantiene i suoi sul + 4, Mozgov fa il possibile bloccando Green ma un compagno corregge in tap-in. Azione insistita da parte dei Cavs in area Warriors, con i ragazzi dell’Ohio che conquistano rimbalzi su rimbalzi grazie a Tristan Thompson ma non riescono a segnare, salvo Mozgov che sfrutta un viaggio in lunetta. Barnes accorcia trovandosi solo nel pitturato di Cleveland, Irving penetra ancora e appoggia in layup, Klay è però impeccabile dall’arco, James conclude il momentum con un jumper defilato: 67 a 64 Cavaliers con 5 minuti da disputare ancora. 2 su 2 dalla lunetta per King James, Klay Thompson è ugualmente efficace, Tristan Thompson prende l’ennesimo rimbalzo offensivo ma Irving non sfrutta la possibilità di segnare da 3, così come Klay pochi secondi dopo. Ezeli trova ancora il parquet in luogo di Bogut, ma al momento entrambe le compagini commettono qualche errore di troppo sino a quando LeBron in post subisce il fallo da Green (quarto personale) e vola in lunetta, anche se il 23 fa 0 su 2. Proprio Ezeli schiaccia per due punti che valgono il –1  con meno di due minuti di gioco rimanenti, James in floater segna e allunga nuovamente. Dellavedova in campo per Irving si perde Curry che servito mette a referto un cirucs shot degno di nota, James nuovamente in floater fa rimanere i suoi sul + 3. Battaglia punto a punto in questi ultimi istanti di gioco, con Ezeli che mette a referto un solo libero su 2 , LeBron sbaglia due occasioni a disposizione ed Iguodala ruba palla, entra in area e schiaccia per il pareggio di Golden State: il quarto quarto comincerà con il punteggio di 73 pari.

Quarto Quarto. Irving è il primo a segnare con una delle sue penetrazione concluse in layup, i Warriors nonostante gli errori di Speights dominano per la prima volta a rimbalzo e concludono l’azione con Iguodala che va a segno da 3, prima di trovare Livingston da solo in area per il +3. Ancora Iggy contesta un tiro a Smith e e fa ripartire Barbosa che perde palla in penetrazione, perdendone altre due ed innescando contropiedi pericolosi in favore dei Cavaliers. Jumper di Speights che porta i suoi ad 80 punti contro i 77 dei rivali, LBJ con un mini-gancio fa rimanere i suoi aggrappati al -1. Il numero 5 dei Warriors commette una violazione dei 3 secondi difensivi e Irving converte il libero a disposizione riportando il punteggio in parità; nel possesso seguente James va a segno in jumper, ma Bogut troppo solo  nel capovolgimento di fronti ha la libertà di schiacciare per il pari. Mozgov vince contro il centro australiano il duello sotto canestro andando a segno, il ferro invece sputa il layup di Curry ma non il fade-away di ‘Bron che allunga a +4Kerr che chiama un timeout. 6 minuti e mezzo circa da disputare ed Iguodala, andando a segno dalla linea dei 3 punti, fa capire che saranno infuocati; Irving non si spaventa e dall’arco fa muovere anch’egli la retina. 2 su 2 di Klay ai liberi, LeBron in isolamento penetra e contro 3 riesce comunque a segnare, ma ancora il numero 11 di GS è perfetto dalla linea dei 3 punti. Quinti fallo personale di Green che dopo un air ball di Curry tenta di recuperare il rimbalzo su James, Mozgov in area Warriors schiaccia con ferocia, Curry risponde in jumper ed è addirittura sorpasso causa errori in serie di James e Smith. 2 liberi segnati da KT e i Warriors conducono per 96  a 93, ma The King si erge dall’arco e pareggia il risultato. Mozgov trova il canestro del contro-sorpasso ma gli arbitri fischiano una chiamata di passi ottimamente notata ed annullano la giocata, James prova il fade away: il ferro respinge, Mozgov prende il rimbalzo e i Cavaliers chiamano il timeout. Un minuto e pochi secondi da disputare, rimessa Cavs con Mozgov liberato ma che non riesce a centrare il canestro, tuttavia subisce fallo nel tentativo seguente di schiacciata ottimamente fornita da un ormai solo contro tutti LeBron James; il russo fa 2 su 2 e di nuovo parità, di nuovo timeout e 30 secondi da giocare. Rimessa Golden State, Curry sembra involarsi da solo al ferro ma Irving in extremis tocca la palla con la punta delle dita e rende vano l’attacco dei Warriors, con Cleveland che ora, dopo aver chiamato un timeout, ha la possibilità di sfruttare gli ultimi 24 secondi di possesso. LeBron è l’incaricato al tiro decisivo, ma il ferro non è dalla sua, Shumpert tenta di risolverla in sospensione dall’arco ma anche qui il ferro è nemico: 98 pari, sarà Overtime.

Overtime. Errori da una parte e dell’altra per circa un minuto, segno che questa intensa partita sta stremando i giocatori; dopo l’errore di Green in layup i Cavs provano a riorganizzarsi con Irving che non trova la “rovesciata” ed i primi due punti. Curry con un vecchio trucco del mestiere finta Tristan Thompson che ingenuamente commette fallo sul numero 30, il quale dalla lunetta non sbaglia. LeBron prova incursioni decise con scarichi in volo, ma né Smith né Mozgov ne approfittano, ed è anzi Curry che con il trucco predente si fa fare fallo questa volta da Irving, segnando due liberi senza patemi d’animo; + 4 GSW. Due minuti circa di gioco, Blatt mette nella mischia Jones per sfruttare le sue triple, ma la palla arriva a Smith che non segna, così nell’inversione di fronti è Barnes che invece sfrutta la chance dall’arco per il + 7 a 2 minuti circa dalla fine di Gara 1. Irving visibilmente claudicante abbandona la gara, sostituito da Dellavedova, Curry ruba palla nientemeno che a James, Iguodala mantiene il possesso e riesce a liberarsi poi per andare a canestro, cosa impedita solo dal fallo di Jones. I Cavs sono imprecisi dall’arco e sbagliano diversi tiri a disposizione, Green subisce fallo da Thompson e vola in lunetta allungando il risultato di dieci lunghezze di vantaggio, con un minuto e sedici secondi da disputare.  Jones non riesce nemmeno a tirare causa interferenza di Green, Curry prima sbaglia la tripla, poi mantiene il possesso sino a quanto basta per concludere di fatto la prima partita di queste finals che i Golden State Warriors vincono con il punteggio finale di 108 a 100. Sotto trovate le statistiche complete del match, vi suggeriamo di osservare la prestazione monstre di LeBron, così come le cifre relative a Kyrie Irving, Klay Thompson e l’MVP Steph Curry.

 

FINAL
OT
Cleveland

(0-1)
29 22 22 25 2 100
Golden State

(1-0)
19 29 25 25 10 108
CLE Players
STARTERS PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
L. James* 44 8 6 2 18-38 2-8 6-10 4 0 0 46 60
K. Irving* 23 7 6 5 10-22 2-8 1-1 1 4 2 44 47
T. Mozgov* 16 7 2 1 5-10 0-0 6-8 1 0 1 33 27
I. Shumpert* 6 2 0 2 2-6 2-4 0-0 2 4 1 34 11
T. Thompson* 2 15 1 3 1-4 0-0 0-0 2 1 1 47 19
BENCH PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
J. Smith 9 4 0 2 3-13 3-10 0-0 0 0 0 34 13
S. Marion 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
M. Miller 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
B. Haywood 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
J. Jones 0 1 1 4 0-1 0-1 0-0 1 1 0 17 3
K. Perkins 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
A. Varejao 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
K. Love 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
D. Kennedy 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
M. Dellavedova 0 1 3 1 0-0 0-0 0-0 0 0 0 9 7
J. Harris 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
GS Players
STARTERS PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
S. Curry* 26 4 8 1 10-20 2-6 4-4 4 2 0 43 44
K. Thompson* 21 6 1 1 5-14 3-9 8-8 1 1 2 39 31
D. Green* 12 6 3 5 4-13 0-3 4-4 1 2 0 39 25
H. Barnes* 11 6 1 2 4-9 3-5 0-0 0 1 0 39 20
A. Bogut* 4 7 3 2 2-5 0-0 0-0 1 1 2 28 19
BENCH PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
A. Iguodala 15 3 2 2 6-8 2-3 1-2 1 1 1 32 23
M. Speights 8 3 1 2 4-8 0-0 0-0 1 0 0 9 12
F. Ezeli 5 5 1 1 1-1 0-0 3-4 1 0 0 12 11
S. Livingston 4 5 3 0 2-6 0-0 0-0 0 0 0 16 15
L. Barbosa 2 3 1 0 1-4 0-1 0-0 2 0 0 9 5
D. Lee 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
J. Holiday 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
B. Rush 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
O. Kuzmic 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
J. McAdoo 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0

Team Stats

STAT TOTAL TOTAL
Points 100 108
Field Goals 39-94, 41% 39-88, 44%
Free Throws 13-19, 68% 20-22, 90%
3-pointers 9-31, 29% 10-27, 37%
Off. Rebounds 13 11
Def. Rebounds 32 37
Total Rebounds 45 48
Assists 19 24
Blocks 5 5
Fouls 20 16
Steals 10 8
Turnovers 11 12

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Golden State Warriors