Seguici su

Denver Nuggets

Hunt favorito per la panchina dei Nuggets

Melvin Hunt “rischia” di passare dal ruolo di semplice traghettatore a quello di capo allenatore dei Nuggets. Secondo le ultime indiscrezioni riportate da Jared Zwerling del Bleacher Report, le quotazioni dell’ormai assistente in quel di Denver dal 2010 sono in netta risalita dopo che le altre candidature stanno scemando col tempo.

Hunt è subentrato nell’ultima parte di stagione a Brian Shaw, dopo un anno e mezzo contrassegnato da alti – pochissimi – e bassi – molti di più – sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista umano, col l’ex collaboratore di Frank Vogel agli Indiana Pacers ai ferri corti con diversi elementi dello spogliatoio.

Hunt ha concluso l’annata con un record di 10-13 dal momento del suo insediamento, ovvero dal 3 marzo scorso giorno dell’esordio vittorioso contro i Milwaukee Bucks. Il suo merito è stato quello di riproporre una pallacanestro più ad alto ritmo per valorizzare al meglio gente come Lawson, Faried e Gallinari, insomma quel tipo di basket visto ai tempi di George Karl di cui Hunt è stato fido assistente.

Hunt pare l’abbia spuntata in maniera decisiva sugli altri contendenti alla panchina dei Nuggets, quali Mike D’Antoni – di cui si è parlato tanto ma che non è mai stato interpellato in via ufficiale – Scott Skiles, che però sembra più nel mirino degli Orlando Magic, ed Alvin Gentry, il cui destino sembra invece indirizzarlo verso New Orleans.

Dalla stanza dei bottoni di Mile High City non filtra nessun commento a riguardo, ma gli insiders ben informati affermano che l’ufficialità di una riconferma per Hunt – che vedrebbe così sparire la parola “interim” di fianco a “coach” per quanto concerne il suo status – potrebbe arrivare nel giro delle prossime due settimane.

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Denver Nuggets