Seguici su

L.A. Lakers

Bryant si ritirerà nel 2016, parola di Mitch Kupchak.

Quando si pensa a Kobe Bryant si ha l’idea di un giocatore intramontabile, uno dei protagonisti di quella generazione di fenomeni che include Tim Duncan, Kevin Garnett e tanti altri, una generazione “colpevole” di aver fatto appassionare milioni di persone a questo fantastico gioco e che ci rende decisamente difficile accettare il fatto che un giorno essi possano appendere le scarpe al chiodo.

Ebbene per Bryant il fatidico giorno pare non essere così lontano, parola di SB Nation da cui apprendiamo tale notizia. In particolare, il giornalista Jesus Gomes ha raccolto per noi le parole del GM dei Lakers, Mitch Kupchak, relative al fatto che il Black Mamba abbia dichiarato di voler smettere con il basket giocato al termine della stagione 2015-2016. Ecco le dicharazioni di Kupchak:

“Bryant mi ha riferito che per lui sarà l’ultima stagione, non ci sono state discussioni sul prolungare la sua attività e non credo che ci saranno. Credo sia chiaro ormai, è all’ultimo anno del suo contratto e non ci sono stati incontri relativi al giocare oltre la prossima stagione. Non ha detto di voler continuare a giocare”.

 Decisamente categorico il General Manager giallo-viola che conferma all’universo NBA ciò che negli ultimi mesi sembrava essere il frutto degli innumerevoli rumors partoriti oltre Oceano, ma che dopo queste dichiarazioni assume la forma di una triste realtà. C’è da dire che le ultime stagioni di Bryant sono state massacrate dagli infortuni (in ordine: tendine d’Achille, ginocchio e spalla), infortuni che avrebbero probabilmente costretto al ritiro molti altri atleti coetanei, ma che KB24 è riuscito a mettersi quasi definitivamente alle spalle.  Inoltre vi è anche la questione del vile denaro: Bryant è alla fine di un contratto decisamente faraonico, con un’ultima stagione che chiama per 25 milioni di dollari, ed è purtroppo necessario sottolineare come l’estinguersi di tale accordo permetterà alla franchigia californiana di avere capitale a sufficienza per effettuare la tanto annunciata “ricostruzione” dopo anni decisamente magri di consolazioni.

Vogliamo però concludere con una flebile speranza offerta ancora dalle parole di Kupchak che risponde alla fatidica domanda: c’è una possibilità che Bryant ci ripensi?

“Se tra un anno ci sarà qualcosa di diverso di cui parlare, allora ne discuteremo quando sarà il momento”.

Non ci resta che attendere dunque e goderci quella che potrebbe essere l’ultima cavalcata di Kobe.

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in L.A. Lakers