Seguici su

Playoffs NBA 2015

Rockets – Clippers, Gara 5: I Texani sono ancora vivi, Harden è decisivo.

A Houston siamo al win or go home per i Texani, con i Clippers che conducono la serie sul 3 a 1 ed hanno la possibilità di chiuderla e di approdare alle finali di Conference. I californiani schierano i consueti titolari ovvero Paul-Redick-Barnes-Griffin e Jordan, mentre i Rockets lanciano Josh Smith dall’inizio, in luogo di Jones, con Harden-Terry-Ariza ed Howard a completare il quintetto. La palla a due è innalzata, comincia Gara 5.

Primo Quarto. La prima emozione ce la regala Trevor Ariza, dopo una buona circolazione di palla da parte dei Rockets, con il n. 1 dei texani che finta e schiaccia per i primi due punti; successivamente, dopo gli errori di Griffin e Redick, Josh Smith mette un bel canestro con un gancio in post. Imprecisi invece i Clippers che segnano con Jordan dopo un ottimo rimbalzo vinto contro Howard, mentre i Rockets sembrano decisamente più aggressivi e concreti offensivamente  parlando, concludendo un contropiede conquistando un fallo, speso da Matt Barnes, senza il quale sarebbero arrivati 2 punti sicuri. Paul come al solito tratta la palla deliziosamente, confezionando numerosi potenziali assist per i compagni, i quali sprecano tuttavia le occasioni a disposizone: la prima tripla dei Los Angelini arriva dopo 5 minuti di gioco con J.J., cui segue la schiacciata in tap in di Howard per il 9 a 7 Houston. Si iscrive dall’arco anche Ariza ed Harden aggiunge altri due in layup, prima della risposta da 3 di Paul; timeout Rockets, con Prigioni e Crawford che prendono rispettivamente le posizioni in campo ed arriva addirittura il sorpasso Clippers, sin qui non brillanti come nelle precedenti sfide, prima del viaggio in lunetta di Howard (1 su 2): 16 a 15 Clips. In campo anche Davis per DJ, Austin Rivers per CP3,Terrence Jones per Josh Smith e Brewer per Ariza: proprio quest’ultimo avvia due ottime azioni per Houston che con due schiacciate si portano avanti di 3 punti. Senza DJ in campo Howard è il padrone dei pitturati, conquistando rimbalzi su rimbalzi e falli importanti come quello che per poco costa il flagrant a Big Baby.  Penetrazione pregevole di Rivers seguita da un tap in di Jones e da 2 si Griffin, momento concitato che si smorza grazie all’ottimo movimento in post del molto attivo Jones. Howard si guadagna due liberi ancora su Davis, con entrambi i centri dei Clippers che hanno già due falli a testa: D-12 spreca però l’ultimo possesso del primo quarto, ma Rivers jr. non piazza la tripla della preghiera, risultato che recita 27 a 22 Rockets.

Secondo Quarto: Harden-Jones-Ariza-Capela-Prigioni vs Crawford-Hawes-Paul-Rivers-Davis. Il secondo quarto riparte similmente alla prima frazione di gara, con i Rockets che confezionano un’alley-opp firmata Harden-Capela e Ariza che schiaccia in campo aperto dopo una palla rubata: timeout Clippers che non sembrano reggere i ritmi degli uomini di McHale. Al rientro Paul segna in jumper ma è ancora Capela che ci regala la giocata, fin qui, più bella della notte: un poster su Hawes di pura potenza e velocità, con fallo annesso ma non realizzato. Hawes si rifa con due punti in floater, ma è Capela ancora che domina a rimbalzo e regala due facili al compagno Jones. Tripla di Jamal che accorcia lo svantaggio, ma Harden si conquista abilmente un fallo su DeAndre Jordan che vola arriva così a 3 personali: 2 su 2 dalla lunetta per il Barba e Glen Davis ancora in campo, 37 a 29 Rockets con 8 minuti ancora da giocare. 1 su 2 dalla lunetta per Rivers, Harden è ancora più preciso nei liberi subito dopo concessi e 9 punti di vantaggio. Ora in campo abbiamo tutti i titolari ad eccezione di DeAndre sostituito da Hawes: Blake Griffin a referto con un bel tiro “a campana”, risponde immediatamente Harden con palleggio-arresto e tiro in fade-away. Paul accelera e regala 5 punti di pregevole fattura frutto di una tripla + un dribbling in area Houston, ma è ancora Howard che batte  in post Hawes per 2 punti. Griffin ancora mostra ottime movenze nel pitturato avversario, ma i pick-n-roll  di cui usufruisce Harden sono qualitativamente impeccabili e il Barba riesce a penetrare con facilità per un rapido layup, timeout per Doc Rivers. Hawes sembra in ritmo ed a suo agio sotto canestro trovando due punti facili, ma è Terry che trova una tripla potenzialmente spezza-gambe, tuttavia ancora Hawes risponde proprio dall’arco per evitare una shot clock violation dopo un’ottima difesa di Houston su BG32, siamo ora sul 48 a 46 Rockets. Paul commette fallo su Harden per evitare due punti facili in campo aperto, il Barba è però freddo dalla lunetta, così come Terry dall’arco per il + 7 Rockets, di nuovo timeout Rivers. 2 minuti e mezzo alla fine del secondo quarto ed al rientro dal timeout i Rockets potrebbero ancora allungare ma Terry perde palla in attacco: tuttavia è JT che fornisce un grande assist per l’alley oop di Howard. Ancora Harden allunga in jumper dalla meda, risponde Griffin con un attacco forte al ferro concluso in layup. Ultimi secondi del secondo quarto che si concludono un Hack-a-Dwight ed Harden che con 3’’ sul cronometro va a segno con un jumper: 63 a 48 in favore di Houston.

Terzo Quarto. Tutti i titolari in campo compreso DJ ed il suo problema di falli.  Contropiede gestito magistralmente da Houston, con Smith che recupera, Terry che fornisce e Ariza che conclude al ferro, Redick non può niente. Paul non si arrende e prova a scuotere i suoi dall’arco, ma Terry con due punti dalla lunga distanza è subito presente. Ancora Paul in jumper che trova solo la rete, Ariza taglia le gambe con una tripla per il 75  a 55 Rockets. Due su due di Barnes dalla lunetta, dopo il secondo fallo di Howard, ma i Rockets stasera hanno una chimica invidiabile e l’asse Harden-Smith-Howard porta alla schiacciata di quest’ultimo con la difesa che resta a guardare. Ancora Superman con un bel lavoro di gambe in post, Paul stoico in penetrazione (e in caduta) accorcia di due punti. Stoppata poco dopo di Howard su un encomiabile CP3 e, in transizione, quarto fallo di DJ proprio su D-12: Davis prende il suo posto. 6 minuti circa da giocare. Griffin resiste alla carica di due texani sotto canestro portandosi a casa i punti più un libero, dall’altra parte è la reattività di Brewer a fare da padrone, trasformando  in 2 punti l’errore di Jones dall’arco, dopo un’ottima circolazione di palla da parte dei Rockets: + 20 Houston. Griffin preciso dalle varie occasioni dalla lunetta accorcia a 15 punti lo svantaggio, ma ancora Brewer dalla baseline trova due punti di pura rapidità, prima del floater di Redick. Duello intenso in post tra Howard e DJ, con il centro dei Rockets che non trova la rete ed è allora Paul con un’intuizione fenomenale che vede Griffin per la schiacciata del -13 Clippers. Finta e floater di Jones che allunga ancora il punteggio con due minuti circa da giocare, DJ vince ancora il rimbalzo contro tutti in area Rockets e viene costretto a due liberi: 1 su 2. Harden danza nella metà campo offensiva e dal suo brevettato step back nascono due punti, la risposta in volo di Griffin, che nasconde la palla, è altrettanto speciale. Un mai così concreto Terrence Jones segna ancora dalla media, DJ invece viene ostacolato volontariamente per l’Hack-a-DeAndre, cui segue immediatamente l’Hack-a-Dwight con l’ingresso di Hawes. Ultimo possesso in mano a Paul che scarica su Rivers, sbaglia ed ancora Hawes, sempre pronto questa sera,corregge in tap in. 76 a 90 Rockets e piccolo spavento per la brutta caduta di Rivers.

Quarto Quarto. I titolari salvo Capela per Houston, Crawford-Rivers-Redick-hawes-Griffin per i Clips, ecco le due compagini per la fase finale del match. Palla persa in attacco da Rivers nel tentativo di scarico per Hawes, sempre + 14 Rockets. Capela mostra le sue qualità fisiche trasformando sotto-canestro e con la mano sinistra l’assist verticale di Harden, timeout Clippers. Dopo il viaggio in lunetta di DJ (2 su 2) è ancora Josh Smith con un jumper dalla media prima, ed una tripla dal centro poi per il + 19, accorcia di uno Jordan dalla lunetta. Harden fa raggiungere ai suoi i punti 100 e 101, DJ schiaccia con la difesa Rockets ferma e Barnes conclude il momento con un goal dall’arco. Terry va a segno anche lui per 3  punti importanti, Capela si guadagna applausi con canestro più fallo non convertito, 106 a 86 Houston e 6 minuti da giocare. Rientra Howard ed anche il Jones dei Clippers, mentre BG in spin move va a segno per due punti. Brewer dalla lunetta fa 2 su 2 e Doc Rivers ne approfitta per una discussione amichevole con un fan dei Rockets in prima fila, pagheremmo per sapere cosa si sono detti. Rapida successione di punti degna di nota: BG ancora dal post basso, Brewer dalla media, Paul in penetrazione e ancora Harden con un layup, prima della tripla di Paul a chiudere una fase molto attiva di un quarto quarto fin qui tranquillo, + 17 Rockets e 3 minuti circa da disputare. Deep 3 di Ariza, risponde subito Rivers in transizione: è Harden allora con un velocissimo rimbalzo in attacco e la successiva meta dall’arco che mette a referto la personale tripla doppia di 26-10-10 (pts-rbs-ast) a coronare una prestazione decisamente concreta ed al servizio della squadra. Ultima azione degna di nota della partita, con i restanti 80 secondi che vedono in campo i meno utilizzati come Dorsey, Turkoglu, Danthay Jones, Hudson e Papanikolaou che con ultimi punti messi a segno fissano il risultato finale sul 124 a 103 per i Rockets che allungano la serie, ora sul 3 a 2 Clips, fino alla prossima Gara 6. Di seguito trovate le statistiche complete del match.

FINAL
22 26 28 27 103
Houston

(2-3)
27 36 27 34 124
Players of the Game
LAC – Blake Griffin (Pts: 30, Reb: 16, Ast: 2)
HOU – James Harden (Pts: 26, Reb: 11, Ast: 10)
RECAP|GAMETRACKER
LAC Players
STARTERS PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
B. Griffin* 30 16 2 2 12-21 0-0 6-9 1 0 0 38 49
C. Paul* 22 2 10 3 9-16 4-9 0-0 2 1 0 35 43
D. Jordan* 13 11 2 4 3-3 0-0 7-16 1 1 1 24 29
J. Redick* 9 1 3 2 3-12 1-8 2-2 0 1 0 37 17
M. Barnes* 5 2 2 3 1-8 1-4 2-2 0 1 0 23 12
BENCH PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
S. Hawes 11 5 1 4 5-7 1-2 0-0 1 1 0 20 18
A. Rivers 8 1 1 1 3-11 1-5 1-2 1 1 0 21 11
J. Crawford 5 0 0 3 2-10 1-5 0-0 0 0 0 27 5
H. Turkoglu 0 1 1 0 0-1 0-1 0-0 0 0 0 4 3
D. Jones 0 0 0 3 0-0 0-0 0-0 0 0 0 2 0
G. Davis 0 0 0 2 0-1 0-0 0-0 1 0 1 6 0
J. Hamilton 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
L. Hudson 0 0 0 0 0-1 0-1 0-0 0 0 0 4 0
E. Udoh 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
C. Wilcox 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
HOU Players
STARTERS PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
J. Harden* 26 11 10 4 9-20 1-8 7-8 5 0 0 43 52
T. Ariza* 22 8 3 1 8-12 4-6 2-2 1 3 0 31 38
D. Howard* 20 15 0 2 7-14 0-0 6-14 0 1 2 32 38
J. Terry* 11 4 7 2 4-10 3-8 0-0 0 0 0 29 29
J. Smith* 9 7 4 2 4-7 1-3 0-2 2 0 1 22 23
BENCH PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
C. Brewer 15 2 1 3 5-8 0-1 5-6 0 1 0 24 20
T. Jones 12 5 0 3 5-8 0-1 2-2 2 0 0 24 15
C. N’Dumba-Capela 8 2 2 3 4-4 0-0 0-2 0 0 0 11 14
K. Papanikolaou 1 1 0 0 0-1 0-1 1-2 0 0 0 2 2
J. Dorsey 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 2 0
P. Beverley 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
D. Motiejunas 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
P. Prigioni 0 3 2 4 0-1 0-1 0-0 1 0 0 18 6
N. Johnson 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 2 0
K. McDaniels 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0

Team Stats

STAT TOTAL TOTAL
Points 103 124
Field Goals 38-91, 41% 46-85, 54%
Free Throws 18-31, 58% 23-38, 60%
3-pointers 9-35, 25% 9-29, 31%
Off. Rebounds 13 15
Def. Rebounds 26 43
Total Rebounds 39 58
Assists 22 29
Blocks 2 3
Fouls 27 24
Steals 6 5
Turnovers 7 11

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Playoffs NBA 2015