Seguici su

Miami Heat

Chris Bosh: “Fortunato ad essere vivo”

Chris Bosh ora sta bene, ma il lungo dei Miami Heat ha dovuto superare gravi problemi di salute a causa di coaguli di sangue formatisi nei polmoni. Bosh ha parlato ieri per circa un’ora ai microfoni di ESPN, raccontando la propria disavventura.

LEGGI DI PIÙ: Le prime notizie sui problemi di salute di Chris Bosh

LEGGI DI PIÙ: Le dimissioni dall’ospedale

Ha parlato così riferendosi alla partita del 1 Febbraio al TD Garden:

A Boston avevamo vinto la partita, ma io non riuscivo a respirare. Dicevo: “Ragazzi, non riesco a respirare. Ho qualcosa che non va. Non riesco a respirare”. Provavo a respirare profondamente, ma non ci riuscivo.

LEGGI DI PIÙ: Le prime dichiarazioni di speranza dopo il ricovero

La cosa strana è che Bosh ha continuato a giocare ancora per un paio di settimane, prima di sottoporsi ad accertamenti.

Non lo farei di nuovo. Sembra strano, vero? Vorrei tornare indietro e dire a me stesso di non comportarmi così. Sono fortunato ad essere vivo. Davvero. La prendo come una lezione per imparare a non comportarmi sempre da duro. È una cosa a cui siamo abituati, smettere di frignare e scendere in campo nonostante i problemi.

Durante gli scorsi quattro anni mi sono dovuto comportare così moltissime volte. Tutti abbiamo dovuto stringere i denti. Non vogliamo ammettere di essere fragili. Entriamo in quello schema mentale.

Chris Bosh sta continuando la riabilitazione e sarà in campo la prossima stagione.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Miami Heat