Seguici su

Playoffs NBA 2015

Belinelli non basta; i Clippers meritano e portano gli Spurs a gara 7

SAN ANTONIO – È tempo di gara 6 per la serie più tirata del primo round di playoff NBA, con gli Spurs che hanno la possibilità di chiudere i conti coi Clippers in casa, con l’eventuale gara 7 che si giocherebbe invece a Los Angeles. I quintetti sono i migliori possibili per entrambe le squadre. (Parker, Green, Leonard, Duncan, Splitter vs Paul, Redick, Barnes, Griffin, Jordan). Coach Popovich schiera Splitter titolare, nonostante i problemi fisici del brasiliano. Doc Rivers, invece, si aspetta un miglior trattamento da parte degli arbitri. Il coach dei Clippers ha definito “brutali” alcune delle chiamate di gara 5 (e per questo è stato multato per 25.000 dollari). Sarà una partita combattutissima anche dal punto di vista emotivo.

Primo quarto: 7 doppie doppie nelle ultime 8 giocate per Duncan, che fin qui è stato il protagonista della serie insieme a Leonard, per gli Spurs, e a Paul e Griffin, per i Clippers. Gara 6 la apre Green. I Clippers sbagliano il primo tiro. Dopo il fallo di Blake Griffin su Tiago Splitter, è Griffin stesso a segnare il primo canestro per i Clippers. Los Angeles mostra subito i muscoli, prima con una schiacciata in transizione di Jordan, poi costringendo all’infrazione di 24 secondi gli Spurs; ottima difesa dei Clippers e stoppata conclusiva di Jordan. Gran gancio in penetrazione per Parker, che stasera sembra in grado di attaccare il canestro con continuità. Redick subito on fire, mentre Paul è in difficoltà per i Clippers. Diaw dentro per Splitter, che non è ancora entrato in partita. Duncan è il primo a scappare in contropiede dopo una palla recuperata dagli Spurs e segna il canestro del 15-12 (vantaggio Clippers). Mini-fuga per la squadra di Rivers; 2-2 ai liberi per Jordan ma Spurs che stanno andando bene a rimbalzo offensivo e quindi hanno molte occasioni per rimettere in pari il match. Tripla di Ginobili che risponde a un Redick da 4-5 al tiro. Fallo ingenuo di Diaw sul successivo tentativo di tripla di Redick, che sta uscendo dai blocchi con grande efficacia. Entra Patty Mills, il barometro emotivo degli Spurs. Fase confusionaria della partita: airball di Leonard e passi di Glen Davis dopo un rimbalzo offensivo conquistato. 0-5 di Paul ma 6 assist. Gran movimento di palla sull’asse Mills-Splitter-Diaw; ogni tanto si vedono gli Spurs delle Finals dell’anno scorso. Spencer Hawes viene scongelato da coach Rivers, fin qui 10 minuti in tutta la serie per lui. Entra anche Belinelli. Bonner dentro per gli Spurs e Dahntay Jones dentro per i Clippers; i due allenatori stanno utilizzando fino in fondo le rispettive panchine. Il punteggio è sul 26-24 e fin qui la partita è stata equilibratissima. Pessimo fallo di Chris Paul in chiusura di quarto: Mills spedito in lunetta a quattro secondi dalla fine a causa del bonus. Il primo quarto finisce sul 26-26 con i due liberi segnati dall’australiano.

Secondo quarto: I Clippers hanno tirato 0-7 per chiudere il primo quarto, ma il primo canestro della seconda frazione è proprio per i losangelini. Molte riserve in campo in questa fase. Tripla di Green dopo un movimento di palla corale di San Antonio e tripla di Belinelli dopo un’efficace penetrazione di Mills. 12esimo punto di Redick dall’altra parte. Brutto tiro per Belinelli, forzato, ma i Clippers perdono palla pochi istanti dopo. Belinelli mette un’altra tripla; la panchina Spurs è in vantaggio 13 a 3 su quella dei Clippers. Airball di Crawford. Belinelli butta dentro un pazzesco tiro da tre punti, con le gambe posizionate a squadra e il busto completamente fuori dalla posizione ideale. Altra tripla di Belinelli, che non si ferma più: 12 punti e 9-0 di parziale tutto suo. La serie è stata fin qui contraddistinta da un buon numero di prestazioni inaspettate da parte delle riserve: stasera tocca a Belinelli? Jordan viene mandato in lunetta con un fallo a gioco fermo di Parker; prove generali di hack-a-Jordan nell’aria. 0-2 di Jordan in lunetta, che premia la scelta di coach Popovich. Ufficiale: è hack-a-Jordan time. Jordan chiude la prima di serie di giri in lunetta con un discreto 6-10. Intanto la panchina degli Spurs, con la penetrazione e il floater alla Parker di Diaw, si porta in vantaggio su quella Clippers per 21 a 3. Esce un grande Belinelli per Ginobili. Giocate di atletismo per i Clippers: stoppata di Griffin su Parker e alley oop sull’asse Paul-Jordan. Classico floater di Parker in penetrazione per il 47-38 Spurs che segna il primo tentativo di fuga del match per gli Speroni. La squadra di Popovich sta tirando tantissimo da 3, cosa che ha fatto per tutta la serie; stasera le percentuali salgono e scendono in continuazione, gli Spurs sono altalenanti e stanno vivendo di sole strisce realizzative. Canestro e fallo subito da Jordan; è  il terzo fallo di Duncan che torna in panchina. Jordan ha già 15 punti e 8 rimbalzi. I Clippers col canestro di Griffin tornano a -5 e Popovich è costretto a chiamare timeout. Terzo anche per Parker che commette fallo su Paul in penetrazione. 47-44 Clippers e Spurs che adesso non stanno più segnando dal campo. Belinelli se la sente e tira da lontanissimo, ma sbaglia. Dall’altra parte 0-7 dal campo di Paul e 2 punti sin qui. Gli Spurs ora stanno sparacchiando da 3. I Clippers invece stanno muovendo la palla con pazienza, trovando buone soluzioni offensive. Post eccellente di Leonard; 2-8 al tiro per lui. Esitazione e altro canestro di Leonard, che prova a entrare in partita. Gli Spurs chiudono il quarto tirando meglio e andando a rimbalzo con maggior convinzione. Tiro finale della frazione per Belinelli, che viene sbagliato dopo un errore di Griffin dall’altra parte. La prima metà di partita si conclude con le due squadre sul 51 pari.

Terzo quarto: Nonostante il brutto inizio di Paul e Griffin il punteggio è ancora in totale equilibrio. Griffin si prende subito il tiro dalla media per provare a mettersi in partita. Rimbalzo offensivo di Jordan, canestro di Redick e +4 Clippers. Green continua a tirare male da tre; non è stata la sua serie fino a questo punto. Canestro in tap-in di Blake Griffin che incornicia la grande partenza di quarto per i Clippers, mentre San Antonio adesso sta di nuovo tirando malissimo. Paul, nonostante tutto, continua a faticare a trovare ritmo. Sulla tripla di Barnes e sul +9 Clippers Popovich decide di averne avuto abbastanza e chiama timeout. 1-7 dall’inizio del quarto per gli Spurs ma ci prova Diaw a motivare i suoi con la tripla a bersaglio. Fallo sul tiro da 3 di Belinelli da parte di Barnes; Marco va in lunetta con tre liberi a disposizione. Il primo lo sbaglia. Poco dopo arriva la stoppata di Green su Griffin; gli Spurs provano a stringere qualche vite in difesa. Anche gli Dei del Basket aiutano il formidabile Griffin di questo terzo quarto; sul suo ennesimo tiro dalla media la palla si arrampica sul ferro ed entra. 11esima palla persa Spurs nei frangenti successivi. Belinelli segna un’altra tripla alla Reggie Miller da otto metri e Doc Rivers chiama timeout. Paul alla ripresa mette il suo primo tiro dal campo. Diaw risponde con un gran canestro in fade away. In questo quarto sono stati gli Spurs di Belinelli e Diaw, le star non hanno combinato granché. Diaw segna ancora, 11 punti per lui e 7 nel terzo quarto. Purtroppo per gli Spurs arriva il quarto fallo di Diaw e Popovich è costretto a togliere dal match il suo miglior giocatore di stasera. Tripla senza paura di un Mills subentrato da poco, dopo il rimbalzo offensivo di Splitter; 70 pari. Paul è ufficialmente entrato in partita e trova la doppia doppia a 10 punti e 11 assist. Il folletto dei Clippers segna 8 punti in un amen. Il terzo quarto finisce sul 76-72 in favore dei Clippers e con l’errore di Ginobili.

Quarto quarto: Un Austin Rivers sin qui invisibile segna il primo canestro dell’ultima frazione. I Clippers lottano per rimanere in vita, gli Spurs proveranno a chiuderla, nonostante l’attuale svantaggio. Davis si è fatto male dopo aver commesso fallo su Splitter, probabile distorsione alla caviglia. Ginobili effettua un grandioso passaggio a Splitter, che chiude con la schiacciata; stupenda esecuzione del pick and roll. Spurs che però diventano subito confusionari, con due brutti tiri in serie proprio di Ginobili e Splitter. Intanto arriva la conferma per Davis: quasi sicuramente si tratta di una distorsione alla caviglia sinistra. Altro superlativo passaggio di Ginobili che mette Splitter in condizione di subire fallo sotto canestro. L’asse argentino-brasiliano sta regalando luci e ombre al pubblico dell’AT & T Center in questo finale di partita. Davis nel mentre è stato portato via in sedia a rotelle: il suo infortunio potrebbe essere più grave del previsto. Parker è fuori partita ed è 3-9 al tiro; il suo dirimpettaio Chris Paul arriva a 14 punti e sta segnando di tutto. Paul mette anche la tripla e i Clippers arrivano a +7. Gli Spurs sembrano frustrati: Green, dopo l’ennesima tripla sbagliata, commette un fallo del tutto evitabile. Diaw è l’unico che continua a tenere a galla i texani, con tiri dalla media chirurgici e buoni attacchi in post. 6 punti e 10 rimbalzi per un Duncan non positivo stasera, invece; l’ennesimo tiro sbagliato dagli Spurs è opera sua. Arriva l’imperiosa stoppata di Griffin sul contropiede di Green, seguito alla rubata di quest’ultimo. Surreale controllo del corpo di Griffin. Segue un’inconsueta falla difensiva dei Clippers che porta alla schiacciata di Duncan, dietro assistenza di Parker. Rivers chiama il timeout, quando mancano meno di cinque minuti alla fine. I Clippers sembrano comunque avere l’inerzia dalla loro parte. Diaw segna ancora in fadeaway alla ripresa; coach Rivers non ha ancora trovato una soluzione per limitare il francese, che ha segnato quasi tutti i suoi 15 punti nella stessa zona del campo. Paul stava per segnare uno dei canestri più pazzeschi della storia dei playoff sulla sirena dei 24; solo doppio ferro per lui. JJ Redick ora è il go-to-guy per i Clippers; la guardia sta continuando a tirare molto bene. Jordan viene spedito in lunetta da Popovich per provare a recuperare i quattro punti di svantaggio rimasti. Primo libero sbagliato. Ultimi 43 secondi a disposizione per l’hack-a-Jordan. Secondo libero cortissimo e 0-2. Diaw sbaglia la tripla. Grande contropiede Clippers e +6. Gli Spurs sbagliano di nuovo e timeout tattico chiamato dai Clippers in una situazione concitata. Paul non segna e ci sono ancora chances per San Antonio. Ancora Diaw per il -4. Adesso il palazzetto è una bolgia. Canestro clutch dell’ondivago Crawford di stasera. Belinelli sbaglia, rimbalzo di Leonard che la ridà a Marco e supertripla della guardia italiana. Errore di Paul sullo scadere dei 24, dopo una buona difesa Spurs, ma Leonard non riesce a infilare la tripla. 96-93 Clippers. 40 secondi alla fine. Paul canestro senza paura in penetrazione. Altra pazzesca tripla di Belinelli. Gli arbitri vanno a controllare se il canestro è da 2 o da 3. Confermato da 3. Timeout Rivers, 15 secondi in cui può succedere di tutto. I Clippers hanno in campo i loro tre tiratori di liberi da 90% (Paul, Redick, Crawford). Fallo su Crawford; uno dei miglior tiratori dell’NBA. Erano passi di Crawford in ricezione; difficilissimi da vedere comunque. 2-2 e ora gli Spurs hanno dieci secondi e quattro punti da recuperare. Interferenza difensiva di Griffin sulla tripla di Belinelli. La decisione viene modificata: il primo tocco sul cilindro è stato di Diaw e quindi il canestro non viene convalidato. Finale thriller. Manca poco più di un secondo e ormai i Clippers dovrebbero aver chiuso il match. I punti di vantaggio sono sempre 4. Fallo di Diaw su Griffin che viene giudicato “clear path”. Blake tirerà due liberi e i Clippers avranno il possesso. Partita ufficialmente finita. Sabato notte ci sarà gara 7 a Los Angeles. Punteggio finale di gara 6 102-96. Serie veramente combattutissima e appassionante. I Clippers ora hanno un vantaggio non trascurabile: la possibilità di chiuderla in casa.

 

FINAL
26 25 25 26 102

San Antonio

(3-3)
26 25 21 24 96
Players of the Game
LAC – Blake Griffin (Pts: 26, Reb: 12, Ast: 6)
SA – Marco Belinelli (Pts: 23, Reb: 2, Ast: 1)
LOS ANGELES CLIPPERS
STARTERS PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
B. Griffin* 26 12 6 2 11-21 0-1 4-4 0 1 4 41 55
C. Paul* 19 4 15 1 7-21 1-7 4-4 1 4 0 44 56
J. Redick* 19 0 0 0 7-12 1-4 4-4 2 0 0 39 17
D. Jordan* 15 14 0 2 4-5 0-0 7-15 2 0 3 36 30
M. Barnes* 8 7 0 4 3-3 2-2 0-0 1 2 0 29 16
BENCH PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
J. Crawford 10 1 1 2 4-9 0-2 2-2 2 0 0 25 11
A. Rivers 3 0 0 0 1-6 0-1 1-2 0 0 0 11 3
G. Davis 2 3 0 5 1-2 0-0 0-0 2 0 0 10 3
H. Turkoglu 0 2 0 1 0-1 0-1 0-0 0 0 0 4 2
D. Jones 0 0 0 1 0-0 0-0 0-0 0 0 0 1 0
S. Hawes 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 1 0
J. Hamilton 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
L. Hudson 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
E. Udoh 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
C. Wilcox 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
SAN ANTONIO SPURS
STARTERS PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
T. Duncan* 12 13 3 4 6-9 0-0 0-2 1 0 0 32 30
K. Leonard* 12 7 2 2 3-15 1-3 5-6 4 0 0 40 19
T. Splitter* 9 10 3 2 3-6 0-0 3-8 1 0 0 28 24
T. Parker* 8 4 7 4 4-12 0-0 0-0 2 0 0 30 24
D. Green* 7 0 1 2 3-9 1-5 0-0 1 1 1 26 10
BENCH PT R A PF FG 3FG FT TO STL BK MIN FPT
M. Belinelli 23 2 1 4 7-12 7-11 2-3 0 1 0 22 28
B. Diaw 17 4 5 5 8-12 1-4 0-0 3 1 0 28 29
P. Mills 5 3 3 1 1-2 1-2 2-2 1 0 0 18 13
M. Ginobili 3 1 1 3 1-6 1-3 0-0 0 0 1 14 7
M. Bonner 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 2 0
J. Ayres 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
R. Williams 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
C. Joseph 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
A. Baynes 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0
K. Anderson 0 0 0 0 0-0 0-0 0-0 0 0 0 0 0

Team Stats

STAT TOTAL TOTAL
Points 102 96
Field Goals 38-80, 47% 36-83, 43%
Free Throws 22-31, 70% 12-21, 57%
3-pointers 4-18, 22% 12-28, 42%
Off. Rebounds 10 12
Def. Rebounds 33 32
Total Rebounds 43 44
Assists 22 26
Blocks 7 2
Fouls 18 27
Steals 7 3
Turnovers 10 13

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Playoffs NBA 2015