Seguici su

Playoffs NBA 2015

Piovono schiacciate sui Mavs, gara 2 va ai Rockets per 99-111.

Il primo turno del Texas tra Dallas e Houston è a già al suo secondo episodio. I padroni di casa vogliono a tutti costi ripetersi, portarsi sul 2-0 per accorciare ogni speranza di rimonta da parte dei Mavs, che arrivano  a gara-2  con alcune lezioni imparate dal precedente incontro: non concendere punti in contropiedi( ben 29 subiti), aiutare dietro sui tagli di Howard e Jones nel pitturato e  attaccare con più costanza il ferro senza lasciarsi impensierire dalle basse percentuali.

PRIMO QUARTO

I Rockets iniziano con l’acceleratore premuto e firmano il primissimo parziale di gara di 7-0( complice un Barba subito dalla mano calda, che segna 5 dei primi 7 punti).  Rondo prende la battle-guard sul personale e si iscrive al match, insieme a Monta Ellis riporta i Mavs a -1. Ad allungare le distanze ci pensa The Jet Terry, vecchio compagno di squadra del tedescone, con la tripla in campo aperto del 11-6 in favore dei Rockets.

Houston conserva il vantaggio per gran parte del primo periodo, ma alcuni errori banali in lay-up da parte dei Rockets e un 2/2 alla lunetta di Aminu smuvono le acque della partita riavvicinando di nuovo i Mavs a -1.  Il primo sorpasso sui Rockets avviene grazie al gioco da tre punti confenzionato da Stoudemire che issa i Mavs  a 22-20. Il primo quarto lo chiudono due liberi segnati da Ariza

SECONDO QUARTO

Riposo per il Barba, che inizia il secondo quarto in panchina. Dopo il 2/2 di Barea, cominciano storie tese sotto le plance tra Howard e Chandler. Alla fine gli arbitri danno tecnico a Chandler, Howard va per i liberi e la palla torna a Houston. I Rockets riprendono a macinare punti in transizione, il punteggio è di 32-34, mancano 10 minuti all’intervallo lungo. Calma piatta per i restanti 60”, la tripla di Jefferson per il 40-40 pari riaccende la fiducia dei Mavs di rimanere in partita.

Da qui fino alla fine del secondo periodo è una serie di botta e risposta, con i Rockets sempre a guidare, ma i Mavs che non ci stanno ad affondare. Quando Ellis segna i due liberi del -2 Dallas, mancano 46 secondi all’intervallo lungo. Nell’azione successivsa Jones ricaccia Dallas a -4,  ma Captain Dirk ricuce l’ennesimo strappo prima della pausa.

HALFTIME: 51-53

TERZO QUARTO

Baruffe tra Harden e Rondo danno il via alla terza frazione di gioco, difesa oltre i limiti consentiti per Rondo  e successivo tecnico dopo lo spintone non necessario al Barba. Lo spettacolo prende vita sul tandem di azione Barba-Superman, finger-roll da sotto del secondo su assist del primo e fragorosa schiacciata, sempre di Howard che segna il +10 Houston.

 A 9.00′ arrivano un paio di palle perse da Terry e Harden e da Harden e Jones, dovute ad altrettanti di malintesi in attacco. Jones rimedia una gomitato al naso da Howard, perde sangue e viene rimesso in panchina. Smith lo sostituisce e dal suo ingresso in campo nel terzo quarto, non uscirà più. Perchè? Due schiacciate consecutive in campo aperto che fermano il punteggio a 84-70 per Houston. Gli ultimi sussulti di equilibrio per Dallas, arrivano prima con l’appoggino di Stoudemire e poi con il buzzer di monta per il -1 a fine terzo periodo.

QUARTO QUARTO

Mettersi comodi, sul divano o sulla poltrona, perchè su una sedia si correrrebbe il rischio di cadere, considerato il materiale ad altissimo hype di quelo ultimo periodo. Dallas rivede il vantaggio nel match per la seconda volta, con Ellis e Stoudemire che riprendono da dove hanno iniziato e combinano cinque punti per il parzialino di 9-0 cominciato nel terzo quarto.

Da qui in avanti, i Rockets decollano viaggiando con la Howard-Smith Airlines company. J-Smoove, un 2.08 m che in teoria giocherebbe 4, al suo meglio: porta palla nei pick and roll, passa, taglia e attacca il ferro. Nell’arco di 5 minuti di gioco consegna 7(DICASI SETTE!) alley oop tra le mani di Howard. I Mavs con Howard che prende posizione sotto e Smith da regista, non trovano soluzioni di contenimento che possano tappare la falla.

Crollo verticale per i Mavs negli ultimi minuti di gara, A 2.58′ dal termine, l’ultima schiacciata di Superman congela il risultato per 107-93 e fa alzare bandiera bianca alla truppa di Carlisle. Da qui  solo garbage time, fino al punteggio finale di 99-111.

 

FINAL SCORE: 99-111

 

Dallas Mavericks (50-32)
field goalsrebounds
pos min fgm-a 3pm-a ftm-a +/- off def tot ast pf st to bs ba pts
R. Jefferson F 22:47 2-6 1-3 2-2 -10 0 0 0 0 2 0 0 0 0 7
D. Nowitzki F 37:14 3-14 0-2 4-4 -14 1 12 13 2 1 1 0 0 0 10
T. Chandler C 30:24 2-6 0-0 7-8 -25 4 4 8 0 4 1 1 2 1 11
M. Ellis G 37:33 8-23 2-8 6-6 -8 2 3 5 3 3 0 1 1 1 24
R. Rondo G 09:55 2-4 0-0 0-0 -11 1 1 2 1 4 0 1 0 0 4
J. Barea 33:30 5-14 1-4 2-2 -5 1 5 6 2 2 0 4 0 1 13
A. Aminu 22:41 3-5 1-1 2-2 +2 3 1 4 2 1 2 0 3 2 9
A. Stoudemire 15:32 3-3 0-0 1-1 +7 2 1 3 1 3 0 1 0 0 7
C. Villanueva 08:48 2-4 1-2 0-0 +6 0 2 2 0 3 0 0 0 0 5
R. Felton 17:54 3-9 0-2 3-3 -8 0 2 2 3 0 0 0 0 0 9
B. James 01:51 0-0 0-0 0-0 +3 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
D. Powell 01:51 0-1 0-0 0-0 +3 0 1 1 0 0 0 0 0 0 0
G. Smith DNP – Coach’s Decision
Total 240 33-89 6-22 27-28 14 32 46 14 23 4 8 6 5 99
37.1% 27.3% 96.4% team rebs: 7 total to: 10
Houston Rockets (56-26)
field goalsrebounds
pos min fgm-a 3pm-a ftm-a +/- off def tot ast pf st to bs ba pts
T. Ariza F 35:40 1-9 0-3 2-3 +18 2 3 5 1 4 0 1 0 0 4
T. Jones F 22:28 1-6 0-1 3-4 +4 2 4 6 0 1 1 0 0 0 5
D. Howard C 33:05 10-15 0-0 8-11 +22 5 7 12 2 4 0 2 2 2 28
J. Harden G 34:04 5-17 1-4 13-13 +9 0 5 5 6 4 1 4 0 2 24
J. Terry G 23:49 3-3 2-2 0-1 +11 0 2 2 2 2 1 0 0 0 8
C. Capela 10:29 2-4 0-0 1-2 -10 0 4 4 1 0 0 0 2 0 5
J. Smith 25:41 7-15 1-5 0-1 +8 3 5 8 9 5 1 2 1 1 15
P. Prigioni 24:11 3-6 1-2 0-0 +1 0 3 3 3 1 0 1 0 0 7
C. Brewer 28:51 7-13 1-3 0-0 +6 1 3 4 1 2 1 1 0 1 15
N. Johnson 00:34 0-0 0-0 0-0 -3 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
K. Papanikolaou 00:34 0-0 0-0 0-0 -3 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
J. Dorsey 00:34 0-0 0-0 0-0 -3 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
K. McDaniels DND – Nondisplaced right elbow fracture
Total 240 39-88 6-20 27-35 13 36 49 25 23 5 11 5 6 111
44.3% 30.0% 77.1% team rebs: 12 total to: 12

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Playoffs NBA 2015