Seguici su

Playoffs NBA 2015

Doc Rivers: “Solo rispetto per Pop. Potevo sostituirlo?Cavolate”

La prima gara del primo turno di playoffs che vedeva di fronte San Antonio Spurs e Los Angeles Clippers, con questi ultimi che giocavano all’interno delle mura amiche, si è conclusa con una netta vittoria a a favore degli uomini di Doc Rivers con il risultato finale che decanta un 107 a 92 forse, potremmo azzardare, quasi inaspettato.

I Clippers sono sembrati molto concreti , attacchi precisi, veloci e massicci: una squadra organizzata guidata ottimamente dal duo Chris Paul e Blake Griffin (58 punti in due) letteralmente  in stato di grazia. Ma se le prestazioni dei soliti noti non ci fanno scalpore, è stata invece l’organizzazione e la determinazione con la quale  i Clippers hanno affrontato gli Spurs, che nonostante la serata deleteria al tiro, hanno mosso il pallone con la costante fluidità difficile da marcare, e se un risultato così netto arriva contro i campioni in carica, siamo sicuri che buona parte del merito è da attribuire a Coach Rivers.

Ma Doc non si è lasciato ingolosire dall’opportunità di usufruire di una serata in cui i riflettori puntavano dritto su di lui ed anzi ha voluto ribadire importanti parole di stima nei confronti del suo collega, Gregg Popovich. Queste le parole di Rivers raccolte per noi Arash Markasi di ESPN:

“Credo che ogni allenatore della Lega voglia essere come Pop. Se ogni giocatore vuole essere “like Mike” (riferimento ad un famoso slogan con protagonista Michael Jordan, ndr), ogni allenatore vorrebbe essere “like Pop”.

I destini dei due allenatori hanno rischiato infatti di essere molto più intrecciati di quel che si pensi; circola infatti nell’ambiente NBA il rumor secondo il quale Doc Rivers sarebbe stato davvero vicino a rimpiazzare Popovich durante la stagione 1999, quando gli Spurs faticavano a trovare la quadratura del cerchio dopo un inizio di stagione difficile (salvo poi ribaltare il tutto e vincere il titolo). L’indiscrezione è stata confermata da Avery Johnson, all’epoca giocatore alla corte di Pop che ha perentoriamente dichiarato:

“C’era davvero una voce insistente riguardo al fatto che Doc potesse rimpiazzare potenzialmente sostituire Popovich”.

Rivers, che  nel periodo in questione lavorava come membro alla voce di commento degli Spurs, è tornato sulla vicenda commentando così:

“L’unico colloquio che ho avuto all’epoca è stato per assicurarmi di non farmi trascinare all’interno di tutte quelle caz**te. Non credo di essere stato così vicino come la gente si aspetti. O forse si, stando a quanto ho letto. Io provai a restarne fuori”.

Solo rispetto per Doc Rivers nei confronti di Gregg Popovich dunque e siamo sicuri che la stima sia reciproca; di sicuro, oltre che con le dichiarazioni, Rivers ha dimostrato di poter competere con l’uomo che considera un maestro.

doc rivers pop

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Playoffs NBA 2015